Lifestyle

Selfie e psiche: una app analizza il volto e svela il tuo carattere

Un'app per l'analisi del volto rivoluzionaria, che identifica attitudini e caratteristiche personali delle persone, riesce ad individuare intelligenza e capacità dall'analisi dei selfie

Fonte: flickr

Ecco una svolta nell’analisi del volto! Dopo le app che indicano se sia il caso di pubblicare i propri scatti personali oppure no, arriva l’app per l’analisi delle espressioni del viso. Si tratta di un software completamente innovativo, che riesce ad identificare l’appartenenza ad un gruppo specifico di persone semplicemente valutando i tratti del volto. I dettagli, rivelati alcuni giorni fa da SnapMunk, descrivono l’app Faception come un programma rivoluzionario. L’algoritmo di base, abbinato ad una combinazione di strumenti per il riconoscimento facciale, rileva il carattere delle persone con l’analisi dei selfie.

Un mix tra apprendimento automatico e dispositivi per misurazione grafica, da utilizzare per scopi diversi. In base a quanto comunicato, l’applicazione sarebbe in grado di riconoscere gli individui che potrebbero compiere attentati terroristici od il futuro Steve Jobs, in mezzo ad una folla. L’app per l’analisi del volto Faception, è stata sviluppata da una start up israeliana. I test che sono stati svolti fino ad oggi, mostrano un grado di accuratezza superiore all’ 80%. Il software, infatti, ha identificato 9 degli 11 attentatori coinvolti nei recenti episodi di terrorismo di Parigi, benché solamente 3 di loro avessero precedenti penali.

Caricando un database di immagini, contenente 27 giocatori di poker, l’app per l’analisi dei selfie ne ha scoperti ben 25. In un altro torneo, ha addirittura individuato in anticipo quali, tra i 50 sfidanti, avrebbero partecipato alla finale, con un errore di 1 su 3. Faception può svolgere questa funzione grazie all’intenso lavoro degli sviluppatori. Dopo avere selezionato una serie di persone dalle peculiarità conosciute, le hanno suddivise in gruppi. Scegliendo i tratti del viso simili in ogni gruppo, hanno individuato una serie di comuni denominatori che permettono al software di scovare gli individui non conosciuti che hanno le medesime caratteristiche.

Uno strumento davvero interessante, che sembra poter valutare anche l’intelligenza e le capacità empatiche di ognuno di noi. L’utilizzo dell’idea alla base di Faception potrebbe evolversi ed essere usata per scopi molto diversi tra loro. Dall’individuazione di potenziali criminali o di futuri scienziati. Sarebbe comunque interessante, anche se forse meno utile alla società, mettere alla prova Faception con l’analisi dei selfie. Facilmente reperibili in rete, con questo software si potrebbe, forse, capire molto più di quanto viene mostrato in fotografia.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati