Vi presentiamo il gatto elfo

Si chiama Elf la nuova razza di gatti elfo nati dall'incrocio fra alcuni esemplari molto particolari

Elegante, particolare, ma soprattutto bellissimo: stiamo parlando del gatto elfo, un felino fuori dal comune che ha conquistato appassionati e non. L’animale è stato presentato in questi giorni nel corso dell’esposizione felina che si è tenuta a Padova.

Il gatto in questione si chiama Bamby e la sua razza felina è stata soprannominata Elf. Il motivo è presto detto: il gatto assomiglia in tutto e per tutto ad un elfo a causa delle orecchie a punta e girate all’indietro. L’esemplare ha un anno e mezzo e appartiene ad Emanuela Fichino, allevatrice torinese.

L’Elf è nato in Russia grazie ad un incrocio fra la Sfinge e l’American Curl. Per questo possiede sia le caratteristiche del Canadian Spnynx – pelle morbida a senza pelo di un colore grigio-rosa – che dell’American Curl, conosciuto per le sue orecchie arricciate indietro.

Secondo Karen Nelson, che ha contribuito alla nascita dei gatti Elf, questa razza è molto socievole, attiva e affettuosa, ma soprattutto è perfetta per chi è allergico, perché non ha il pelo. Il gatto ha una taglia medio larga, fra i 3,6 e i 6,8 kg. L’animale va lavato regolarmente per evitare infezioni della pelle e deve essere sempre tenuto lontano dalla luce, per non irritare la pelle.

In Italia esistono pochissimi esemplari di gatto elfo e questo animale ha attirato molta curiosità. In tanti trovano che sia meraviglioso e molto bello, così tanto che sarebbero disposti a spendere 2mila euro per averlo.

Altri trovano che la razza Elf non sia elegante, ma, al contrario, che il micio somigli molto più a Dobby, personaggio della serie di “Harry Potter”, che ad uno splendido elfo. Una cosa comunque sia è certa: il gatto elfo, dovunque vada, non rischia di passare inosservato!

gatto elfo

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti