Sport

Fantacalcio: chi vincerà il fantascudetto?

Il calcio è lo sport più amato in Italia: c'è chi ha una squadra del cuore e chi, invece, preferisce inventarla, nella speranza di vincere il fantascudetto

Fonte: Pixabay

Il fantacalcio è un gioco molto in voga che non fa distinzioni d’età. E’ basato sulle reali prestazioni dei calciatori del momento, ma lascia ai fantacalcisti la possibilità di costruire una fantasquadra personale secondo le proprie preferenze: chi creerà la fantasquadra con i giocatori che si saranno dimostrati più forti nella vita reale, vincerà il fantascudetto.
Si può giocare da 4 a 10 persone, costituendo una lega.

Ogni giocatore della lega fa da presidente e da allenatore della propria fantasquadra, comprando all’asta, con i fantamilioni di partenza, 25 giocatori e poi decidendo gli 11 titolari da schierare in ogni partita. I 25 giocatori devono essere 3 portieri, 8 centrocampisti, 8 difensori e 6 attaccanti. Le 4-10 fantasquadre si sfidano tutte durante il fantacampionato e la prima classificata vince il fantascudetto.

Ogni fantasquadra è formata da calciatori veri, per cui il risultato di una fantapartita dipende dalle reali prestazioni dei giocatori durante il campionato vero. Alla fine di una partita, viene dato un giudizio in decimi a tutti i giocatori (si usano soprattutto le pagelle della Gazzetta dello Sport e del Corriere dello Sport), per cui il punteggio della fantasquadra si otterrà sommando i voti degli 11 titolari. E’ importante, dunque, per ogni fantacalcista rimanere aggiornato guardando in tempo reale le partite o, in un secondo momento, informandosi online sui risultati.

Una volta calcolato il punteggio base, bisogna valutare anche la presenza di bonus e malus. Anche questi ultimi dipendono dalle prestazioni dei calciatori in campo: per ogni azione positiva, si ottengono punti aggiuntivi, per ogni azione negativa, se ne sottraggono altri. Ad esempio, si hanno 3 punti per ogni gol segnato e per ogni rigore parato, 2 punti per ogni calcio di rigore andato a buon fine, 1 punto per ogni assist e gol effettuato o per portiere imbattuto; si perdono, invece, 0,5 punti ad ammonizione, 1 ad espulsione e per gol subito, 2 se c’è un autogol e 3 per un calcio di rigore sbagliato. Infine, usando una tabella di conversione punteggi-gol, si decide l’esito di ogni fantapartita: chi fa più fantagol, vince. Alla fine del campionato, la squadra della lega che ha vinto più fantapartite ottiene il fantascudetto.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati