Viaggi

Tutte le informazioni per una bellissima vacanza a Zanzibar

Come prepararsi al meglio per una vacanza a Zanzibar, dalle vaccinazioni al periodo giusto in cui partire

Fonte: pixabay

Siamo nella Repubblica Unita della Tanzania. Con il nome Zanzibar, in persiano “terra dei neri”, si intende l’arcipelago omonimo dell’Oceano Indiano costituito dalle due isole principali Pemba e Unguja. Il clima di questo territorio può essere facilmente riassunto in due periodi: uno molto caldo con temperature fino ai 30 grandi e un altro molto piovoso e umido.

Perciò, se state prenotando il vostro viaggio, attenzione: evitate i mesi da marzo a maggio ed il mese di novembre. Ideale, invece, il periodo da fine dicembre a febbraio e da giungo a ottobre. Andare a Zanzibar, se ci si prepara a dovere, è più che sicuro. Esistono, infatti, norme a tutela dei turisti che ogni anno dimostrano di essere all’altezza della situazione. Ma con le vaccinazioni non si scherza, soprattutto con quelle obbligatorie.

Cosa fare prima di partire

Prima di partire, è infatti necessario sottoporsi ad alcune cure preventive. Una di queste è il vaccino contro la febbre gialla, d’obbligo per coloro che hanno effettuato un viaggio recente nei paesi infetti, come l’America meridionale e l’Africa. Per tutti gli altri, invece, non è necessario.

Nel caso si voglia effettuare un Safari, seppur non sia ufficialmente sancito dalla legge, è consigliabile eseguire una profilassi antimalaria per difendersi dalle numerose zanzare che si fanno veicoli del contagio. Diffuse sono le patologie del tifo, colera, epatite virale A B C e l’AIDS.

Informazioni utili per il viaggio

Per evitare di viaggiare impreparati, ecco alcune cose da sapere. Partiamo dalla lingua. A meno che voi non conosciate lo Swahili, la lingua ufficiale, puntate sull’inglese. Vi capiranno senza difficoltà. Per quanto riguarda la moneta, c’è la possibilità di utilizzare lo Scellino Tanzianiano, i dollari e l’Euro, seppur quest’ultimo venga accettato con più reticenza. Inoltre, il cambio non è vantaggioso.

Perciò, una volta arrivati in città, effettuate un cambio in scellini e non avrete alcun problema. Qualora aveste bisogno di utilizzare la vostra carta di credito per prelevare contanti, potete recarvi agli sportelli ATM presenti nella capitale Stone Town. Poi, utile da sapersi al momento della prenotazione del volo, in Tanzania il fuso orario è solo di due ore rispetto a quello italiano!

Ma, in quale periodo partire? Se siete amanti della natura rigogliosa e non troppo infastiditi dalla pioggia, allora i mesi di maggio-giugno fanno al caso vostro. Altrimenti, se preferite restare all’asciutto, prenotate durante i mesi invernali e senza accorgervene abbandonerete i vostri scarponi pesanti per comode infradito.

Il clima di Zanzibar

Come accennato in precedenza, Zanzibar conosce due tipologie di clima ben differenti: uno caldo e secco, l’altro piovoso e umido. Nei mesi più aridi le temperature possono essere molto elevate, oltre i 30 che tuttavia vengono piacevolmente smorzati da leggere brezze marine.

Al contrario, nei mesi che anticipano l’estate ci sono loro: le Masika, piogge abbonanti e insistenti. Diverse sono invece le Vuli, piogge brevi e e meno fastidiose tipiche dei mesi di ottobre e novembre.

Agosto a Zanzibar

Il mese di agosto ha vantaggi e svantaggi. Le piogge sono scarse, le temperature si aggirano intorno ai 28-29 grandi ma l’umidità e le escursioni termine sono da tenere in considerazione. A Zanzibar si è in pieno inverno, perciò la sera armatevi di manica lunga!

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati