8 ragioni per i cui i barman ti ignorano

Difficoltà nell'ordinare? Ecco le otto ragioni per le quali un o una barista paiono ignorare alcuni clienti.

Difficoltà nell’ordinare? Ecco le otto ragioni per le quali un o una barista paiono ignorare alcuni clienti.

A tutti è capitato di ritrovarsi al bar e pensare d’essere quasi invisibile agli occhi del o della barista di turno. Proviamo ad attirare il loro sguardo in tutti i modi, ben lontani dalla fastidiosa pratica della mano al cielo o, ancor peggio, delle dita schioccate.

Viene naturale pensare come il o la barista non stia facendo il suo lavoro, ignorando di fatto uno o più tavoli. Tutto diventa di colpo personale, anche troppo, senza curarsi del fatto che dall’altra parte ci sia un semplice lavoratore. Nove volte su dieci infatti se si viene ignorati è per motivi di lavoro, come sottolinea Matador, comunità online per viaggiatori. Tante le responsabilità dietro al bancone, che vanno a incastrarsi in un ampio programma di gestione.

Alcuni clienti regolari pretendono molte più attenzioni del solito e spesso ciò non è un problema. Fare due chiacchiere con qualcuno di vagamente familiare è piacevole, ma c’è chi supera il limite. Poche frasi possono far superare la soglia che porta dall’essere carino a inquietante, in pochi secondi. Altri invece, simpatici e solari, vorrebbero parlare di continuo, dimenticando quasi che quel luogo è di ristoro per loro ma di lavoro per altri.

Alcuni clienti tendono a forzare la mano quando si tratta di creare un certo legame al bar. L’intento iniziale è quello di trattare chi serve dietro al bancone come una qualunque persona. Molto meglio però lasciar scorrere la conversazione (eventuale) naturalmente, invece di far partire un interrogatorio. Un’intimità forzata non farà che provocare la caduta di un velo invisibile su di voi, con i baristi di turno che faranno a gara per starvi alla larga.

Simile discorso applicabile per coloro che tendono a fissare, cercare lo sguardo altrui, unicamente perché in imbarazzo al proprio tavolo, annoiati o quant’altro. Fissare un barista senza aver bisogno di nulla, non farà che rendere più difficile ordinare un drink.

Detto che i baristi sono persone qualsiasi, preferiscono restare ben alla larga da situazioni troppo intime, se riguardano dei perfetti sconosciuti. Se si è scelto di dare il via a un’accesa discussione al proprio tavolo o al bancone, non c’è da stupirsi nel sentirsi ignorati. Se poi i toni dovessero accendersi particolarmente, qualcuno potrebbe avvicinarsi finalmente ma per chiedervi di andare via.

C’è poi un tipo di cliente che non ha mai idea di cosa ordinare. Passano così i minuti, con i primi 20 che sembrano volare. Dopo essere passati due volte a chiedere per l’ordinazione, è quasi automatico dedicarsi a tutt’altro, meno che alle vostre esigenze. Come detto, il bar è un posto di lavoro. A volte però tutti questi ragionamenti sono un po’ eccessivi. Alla fine un barista potrebbe ignorarvi soltanto perché è pigro e vorrebbe fare di tutto meno che lavorare.

Barista

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti