Questo canestro fa la storia, il video del giocatore in lacrime

LeBron James, già nella storia del basket, diventa ora una vera leggenda e supera persino Michael Jordan: il video commovente

Ha 34 anni, gioca nei Los Angeles Lakers ed è considerato semplicemente il migliore giocatore della sua generazione, anzi alcuni lo ritengono il miglior cestista di tutti i tempi (riuscirà questo piccolo campione a entrare nella storia del basket?). Parliamo di LeBron James, il cui talento è osannato ai quattro angoli del pianeta: l’atleta originario di Akron vanta numerosi riconoscimenti personali e sportivi. Ha vinto tre titoli NBA, la medaglia d’oro sia a Pechino 2008 che a Londra 2012 e nel 2010 è stato classificato da Forbes come il secondo atleta più influente, alle spalle del ciclista Lance Armstrong, nonché il secondo cestista più pagato al mondo.

Ora può fregiarsi anche di un altro “titolo”: aver superato Michael Jordan ed essere il quarto marcatore NBA di ogni epoca con 32.311 punti segnati in carriera. L’occasione è stato lo scontro casalingo con i Denver Nuggets, che hanno vinto il match, ma hanno lasciato che LeBron James esultasse per il prestigioso traguardo ottenuto.

A metà del secondo quarto è avvenuta la magia e il sorpasso tanto aspettato: James ha superato il suo idolo e, se già era entrato nella storia del basket, adesso può dire che gli manca ancor meno per salire sul podio dei cestisti più proficui.

Paragonare LeBron James alla leggenda dei Chicago Bulls è impossibile, tuttavia gli amanti dei sondaggi, dei numeri e delle etichette, possono divertirsi a scandagliare nella carriera di entrambi.

LeBron makes history!

History was made last night in Staples Center. 🔥

Pubblicato da NBA TV su Giovedì 7 marzo 2019

Troveranno che l’ala dei Lakers ha impiegato 117 gare in più rispetto al suo “maestro” e anche meno elevata risulta la media punti del 34enne (27.1 contro 30.1). Sono due giocatori che hanno brillato in epoche e contesti diversi, il confronto può sembrare sterile, ma le emozioni nel vederli giocare, segnare, incitare la squadra o commuoversi sono esattamente le stesse.

LeBron James si è lasciato andare a qualche lacrima quando è stato trasmesso un video celebrativo che ha omaggiato il suo immenso talento, poi a fine partita ha commentato così la sua impresa: “Lo guardavo in tv ed avrei voluto fare quello che faceva lui, tirare in fade-away come faceva lui, tirare fuori la lingua come faceva lui, avere le scarpe da gioco personalizzate come lui… volevo che un giorno i ragazzi avrebbero visto me come io vedevo Mike. Incredibile, davvero incredibile”.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti