Dopo 22 anni avvistato il pesce rosa con le mani

Si temeva per la sua sopravvivenza, e invece eccolo qua ancora una volta

28 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: ansa

Ritorno in grande stile per un raro pesce rosa “con le mani”, originario dell’Australia, che è stato avvistato per la prima volta dopo 22 anni al largo della costa della Tasmania. L’handfish rosa era stato avvistato per l’ultima volta da un subacqueo al largo della Tasmania nel 1999 ed è stato avvistato solo altre quattro volte in tutto.

Era stato recentemente classificato come a rischio estinzione perché si temeva per la sua sopravvivenza, ma come riporta il sito Today.it, i ricercatori australiani affermano di averlo visto di nuovo, grazie una registrazione di una telecamera in profondità. La foto è stata scattata all’inizio di quest’anno in un parco marino e mostra il pesce in acque più profonde e aperte rispetto a quelle in cui viveva in precedenza.

Gli scienziati credevano che il pesce si trovasse solo in acque poco profonde e che viveva in baie riparate, ma ora è stato trovato a una profondità di 150 metri al largo della selvaggia costa meridionale della Tasmania. “Questa è una scoperta entusiasmante e offre speranza per la sopravvivenza in corso del pesce mano rosa, poiché chiaramente hanno un habitat e una distribuzione più ampi di quanto si pensasse in precedenza”, ha spiegato il ricercatore capo e biologo marino Neville Barrett, professore associato presso l’Università della Tasmania.

L’handfish rosa è uno dei 14 tipi di handfish avvistati in Tasmania, la grande isola a sud del continente australiano. Ma di che cosa si tratta esattamente? Gli handfish sono pesci “che camminano”. Non nuotano come gli altri normali pesci ma avanzano come se fossero un incrocio con gli anfibi, e che lo fanno a profondità abbastanza elevate. I Brachionittidi sono una famiglia di pesci ossei marini dell’ordine Lophiiformes, endemici dell’Australia. Questi pesci utilizzano le pinne pettorali e pelviche per spostarsi sul fondo marino, preferendo “camminare” piano piano con tali pinne anziché nuotare.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti