Tokyo, dal 2020 ci saranno le Olimpiadi anche per i robot

A Tokyo approdano le olimpiadi dei robot. Nel 2020 numerosi androidi si sfideranno nei diversi sport, dando vita ad uno spettacolo insolito ed esilarante

Fonte: flickr

Anche i robot partecipano alle olimpiadi, succede a Tokyo. Forse non lo sapevate, ma nella capitale giapponese gli androidi fanno sport e sembrano essere piuttosto bravi, tanto da sfidarsi in numerose discipline. Accadrà tra circa quattro anni, nel corso del 2020, proprio mentre gli atleti in carne ed ossa saranno impegnati a gareggiare per i prossimi giochi olimpici. Il bizzarro ed insolito evento è stato soprannominato World Robot Summit e ha come principale scopo quello di riuscire ad attirare nel Paese del Sol Levante i principali esperti ed investitori di tecnologie.

L’evento è stato proposto e verrà curato da Shinzo Abe, il Ministro del Commercio giapponese. Tokyo si prepara quindi ad ospitare alcuni tra i robot più sofisticati e all’avanguardia realizzati nel corso degli ultimi decenni. Ad oggi sono ancora sconosciute le informazioni riguardanti la data precisa e la sede nella quale si svolgerà il bizzarro evento. Oltre all’olimpiade vera e propria, saranno allestite numerose sale all’interno delle quali verranno esposti agli occhi del grande pubblico i vari umanoidi.

In vista di queste olimpiadi, Tokyo ha già iniziato a racimolare adesioni da esperti del settore tecnologico e curiosi alle prime armi che desiderano cimentarsi e buttarsi in questa nuova ed originale avventura. Le olimpiadi dei robot stanno già ottenendo il successo desiderato tanto che, in ogni angolo del mondo, già si chiacchiera e ci si domanda cosa mai ci si dovrà aspettare da un evento simile. Nel corso degli ultimi decenni il Giappone è stato il Paese che maggiormente ha investito sulla robotica.

Le aspettative sono quindi piuttosto alte, visto e considerato che in tale Paese i robot fanno ormai parte integrante della vita quotidiana di numerose persone. Gli androidi vengono utilizzati per far compagni agli anziani, per preparare il pranzo o servire la cena, per portare a compimento mansioni lavorative o, addirittura, per sbrigare i lavori domestici. A tal proposito non possiamo non citare Kirobo, l’ultimo robot nato dalle sapienti mani di un ingegnere giapponese. Questi, tra le varie cose, ha la capacità di riconoscere il suo legittimo proprietario e di scambiare con lui chiacchiere amichevoli e simpatiche battute.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti