Com'è nata l'ossessione mondiale per gli unicorni?

Tutto il mondo va pazzo per gli unicorni, ma quali sono le origini di questo trend? Ecco com’è nata l’ossessione per questi animali

Gli unicorni potranno anche non esistere, ma di vero c’è sicuramente che sono una delle tendenze più cool dei nostri tempi. Ma come nasce l’ossessione per queste creature fantastiche?

Siamo così abituati alla loro presenza che sembra quasi ci siano sempre stati. Eppure esisteva un tempo – nemmeno troppo lontano – in cui gli unicorni non dominavano il mondo della moda, del make-up, della ristorazione, dei tessili e di qualsiasi altra cosa esista sul pianeta (tranne loro). Oggi esistono i gelati al gusto di unicorno, le tinte unicorno, le palette (Dio le benedica) con le tonalità unicorno, i pigiami unicorno, i frappè unicorno. E potremmo continuare all’infinito con qualsiasi parola a caso associata a “unicorno”, che sicuramente troveremmo un oggetto a esso ispirato nella vita reale.

Viene però da chiedersi: com’è nata l’ossessione mondiale per gli unicorni? Se persino Noè li aveva dimenticati a terra, come mai noi invece li adoriamo? Partiamo dalla cosa più banale: sono bellissimi, super colorati e ci forniscono la scusa di riempirci di glitter anche durante il giorno. Il trend però, è nato qualche anno fa: se le sue origini sono incerte, non lo è invece il suo sviluppo. C’è chi dice che gli unicorni siano stati sdoganati nel 2012 da Lady Gaga con il video di “Born This Way”, e chi invece mette il punto di partenza dell’ossessione nel blog di una ragazza con la passione per il cibo. Sembra che tutto sia nato quando una food blooger di Miami ha mostrato la ricetta del suo toast unicorno: la foto delle fette di pane colorate è stata condivisa così tante volte che le persone hanno iniziato a cercare su Google qualsiasi cosa avesse a che fare con gli unicorni. Poi ci sono messe anche le star: Nina Dobrev, Nicky Minaj, Miley Cyrus, Anne Hathaway, Kendall Jenner. Tutte pazze per gli unicorni.

A dare corpo a questo trend ci si sono messe allora le aziende, che hanno iniziato a produrre qualsiasi tipo di gadget, anche quello più assurdo, a forma di unicorno. Non c’è nessuno che non abbia almeno una cosa ispirata all’animale leggendario o che non abbia condiviso sui social qualcosa che abbia a che fare con gli unicorni. Quanto durerà? Non lo sappiamo, ma sembra che dopo aver perso il primo passaggio sull’arca, l’unicorno non ne voglia sapere di estinguersi ancora.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti