Ecco la bara high tech per l’eutanasia: “Una morte euforica”

Si chiama Sarco la nuova bara high tech per l’eutanasia che promette una "morte euforica e inebriante"

Il suo creatore promette una morte “euforica e inebriante”, ma tanti la criticano: stiamo parlando della bara high tech presentata in questi giorni alla Fiera di articoli funerari di Amsterdam.

Nel corso della manifestazione, che si è svolta presso la chiesa di Westerkerk, gli esperti del settore hanno mostrato le ultime novità. Quella più discussa è senza dubbio Sarco – parola che sta per sarcofago -, una bara che promette una morte “casalinga” e serena per chi ha scelto di abbandonare questa vita.

A presentarla è stato Philip Nitschke, medico australiano e attivista che da anni si batte per il diritto all’eutanasia. Secondo l’uomo la bara hi-tech cambierà il nostro modo di concepire la morte e aiuterà moltissime persone.

Sarco è stata realizzata con una stampante in 3D ed è composta da una capsula removibile collegata ad un contenitore di azoto. Come funziona? Semplicemente chi sceglie di togliersi la vita entra nella bara e preme un pulsante. A questo punto l’azoto viene rilasciato nell’abitacolo ed entro un minuto sopraggiunge la morte, anticipata da una perdita di coscienza.

Nitschke, già soprannominato “Dottor Morte”, ha spiegato nel corso della fiera che il decesso avviene per ipossia, ossia per mancanza di ossigeno. Secondo il medico si tratta di una “morte euforica”. “L’esperienza di trovarsi in un ambiente con poco ossigeno può essere inebriante – ha svelato -. Basta chiedere ai subacquei”.

Per ora la bara hi-tech non è ancora entrata in commercio, ma il suo creatore vorrebbe rendere il progetto gratuito e scaricabile da Internet. In questo modo chiunque vorrà realizzarla in futuro potrà farlo utilizzando una stampante 3D. Il costo, come hanno spiegato i suoi realizzatori, dipende dagli strumenti a disposizione, ma si aggira intorno ai 7500 dollari.

“Per poter entrare nella macchina dovrai superare un test online – ha svelato Philip Nitschke –. È un piccolo test per verificare la tua abilità mentale. Per essere sicuro di avere una mente sana. Quindi, fai il test sul computer e se lo passi – per lo più tutti lo fanno, a meno che tu non sia seriamente malato mentalmente – puoi accedere alla seconda fase”.

“Tu superi il test e questo ti dà un codice – ha spiegato il medico australiano -, che è valido per ventiquattro ore. Inserisci quel codice che ti consente di far funzionare Sarco. Quindi una persona che non sa quello che sta facendo non può usare Sarco”.

Sarco

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti