Mistero Gulnara Karimova: scomparsa la figlia dell'ex presidente uzbeko

Gulnara Karimova è stata avvelenata oppure è agli arresti domiciliari? Continua il mistero della figlia dell’ex presidente uzbeko

Fonte: Instagram

Dov’è Gulnara Karimova? Che fine ha fatto? Continua il mistero sulle sorti della figlia dell’ex presidente uzbeko Islam Karimova. La donna è scomparsa da giorni e non è chiaro cosa le sia accaduto. Gulnara è la figlia maggiore del politico ed era finita al centro di una polemica dopo che, durante un’intervista, aveva parlato delle lotte interne nella sua famiglia, accusando la madre e la sorella di complottare contro di lei per distruggerla.

Da allora non si hanno più notizie di lei e in molti si chiedono che fine abbia fatto. I suoi profili social sono stati disattivati e solo qualche giorno fa sono tornati attivi, ma la 44enne non risponde agli appelli dei follower che le scrivono.

Secondo alcune indiscrezioni dopo le scottanti rivelazioni Gulnara Karimova sarebbe stata avvelenata, uccisa dai servizi di sicurezza uzbeki per volere della sua stessa famiglia. Il sito Center1 ha citata una fonte interna ai servizi segreti che sarebbe a conoscenza delle sorti della donna. Gulnara, uccisa a inizio novembre, sarebbe stata seppellita nel cimitero Minor di Tashkent, in una tomba poi distrutta per non essere più ritrovata.

Alcune fonti vicine alla famiglia Karimova però hanno smentito questa ipotesi e all’agenzia russa Ria Novosti hanno rivelato che Gulnara sarebbe ancora viva. La Karimova, che non si è presentata nemmeno al funerale del padre, secondo molti sarebbe agli arresti domiciliari a causa di una fatwa lanciata dallo stesso ex presidente uzbeko. Era il dicembre 2013 quando la donna trovò il coraggio di raccontare per la prima volta le lotte interne alla sua famiglia, secondo alcuni insider poco dopo sarebbe stata arrestata e costretta agli arresti domiciliari in casa, dove si trova tutt’oggi, senza la possibilità di comunicare con nessuno.

Nonostante ciò la giornalista Galima Bukharbaeva, da sempre attiva nella lotta contro la violazione dei diritti umani in Uzbekistan e vincitrice dell’International Press Freedom Award nel 2005, è convinta che Gulnara sia stata uccisa con un potente veleno a causa delle sue rivelazione e che ora il governo uzbeko e la famiglia Karimova stia tentando di nascondere l’omicidio.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti