Questo è il labirinto più grande del mondo

Un primato tutto italiano per questo labirinto che si estende per sette ettari di terreno

16 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Il labirinto più grande del mondo è tutto italiano e si trova in pronvincia di Parma, a Fontanellato. Stiamo parlando del labirinto della Masone che si estende per sette ettari di terreno all’interno della proprietà dell’editore e collezionista d’arte Franco Maria Ricci, che ha elaborato e sviluppato il progetto insieme agli architetti Pier Carlo Bontempi e Davide Dutto.

Il labirinto, come riporta il sito Focus.it, è una tra le fantasie più antiche dell’umanità. Esso simboleggia la fatica del percorrere la vita, ma anche la speranza di trovare una via di uscita. Già rappresentato in diverse incisioni rupestri, lo si ritrova nel mito greco con Minosse, re di Creta, che dà a Dedalo il compito di costruire un labirinto per imprigionare il mostruoso Minotauro.

Il labirinto della Masone, nello specifico, è interamente realizzato con circa trecentomila piante di bambù di specie differenti, è ispirato ai percorsi geometrici raffigurati nei mosaici romani e la sua pianta è a forma di stella che si estende su sette ettari intorno a un quadrato centrale.

Ospita anche spazi culturali su un’area di più di cinquemila metri quadrati, dedicati alla collezione d’arte di Ricci (stiamo parlando di circa 500 opere dal Cinquecento al Novecento), e una biblioteca che ospita i più illustri esempi di tipografia e grafica. Di recente è pure stato aperto al pubblico.

Labirinto deriva dal nome greco labýrinthos, usato nella mitologia per indicare il labirinto di Cnosso. La parola è di origine pre-greca e Arthur Evans espresse la sua ipotesi supponendo la sua derivazione dal lidio labrys, bipenne, l’ascia a due lame, simbolo del potere reale a Creta. “Labirinto” vuol dire “palazzo dell’ascia bipenne” con il suffisso -into a significare “luogo” su modello del greco Corinto, cioè il palazzo del re Minosse a Cnosso, come riporta Wikipedia. La planimetria era intricata al punto da far supporre che l’ispirazione per la leggenda del labirinto fu raccolta proprio da questa specifica situazione.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti