È in Cina il dipinto anamorfico più lungo e grande del mondo

C’è uno nuovo, freschissimo, primato che arriva dalla Cina: l’opera ‘Forest Rhapsody’ è il disegno anamorfico dei record.

17 Giugno 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

È stato raggiunto in Cina, specificatamente nel distretto di Banan (Chongqing), un duplice primato entrato di diritto nei Guinness World Records. Siamo nel punto panoramico ‘Chongqing Bestown’ e qui è stato realizzato il più grande e lungo dipinto anamorfico al mondo. A firmare il duplice record è l’artista Yang Yongchun, autore dell’opera dal titolo ‘Forest Rhapsody’.

Il primo dipinto da primato, ovvero ‘Forest Rhapsody: Forest Adventure’, ha una superficie certificata dagli ispettori del GWR pari a 5,138.,606 metri quadrati. La seconda opera realizzata, ‘Forest Rhapsody: Colourful Forest’, invece, si è aggiudicata il titolo di dipinto anamorfico più lungo al mondo con i suoi 688.293 metri. A rendere ancora più curiosa l’impresa e che Yang Yongchun non è nuovo ai record mondiali e con questo risultato ha battuto se stesso.

L’uomo, infatti, è stato uno dei primi pittori anamorfici professionisti di tutta la Cina e nel 2014 aveva raggiunto il primato ai Giochi Olimpici Giovanili. Allora, la sua opera aveva una superficie pari a 2.622.882 metri quadrati per una lunghezza di 374.43 metri. Negli ultimi mesi, Yongchun si è rimesso al lavoro e insieme a oltre dieci artisti ha completato la nuova opera che gli ha fatto superare il precedente primato.

A rendere possibile l’impresa è stata anche l’organizzazione Chongqing Bang Tian Agricultural Development Co., Ltd. fondata da Wu Ailing che ha reso disponibili oltre mille ettari. E l’intento, attraverso l’enorme dipinto, è quello di mostrare la relazione tra civiltà umana e natura in un processo che dal conflitto arriva all’armonia.

“Con il 3D ognuno è artista e ogni artista rappresenta l’ultimo elemento di un’opera”, dichiara Yang (sito GWR). “Il dipinto può essere completato solo grazie a chi vi partecipa – continua Yongchun – e ogni azione dei partecipanti fornisce una versione finale diversa ”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti