Tutti i 19 tipi di sorriso, ma solo 6 sono allegri

La ricerca sui tipi di sorriso del Professor Landis rivela che sorridiamo perché abbiamo paura o perché siamo in imbarazzo

Fonte: Pixabay

Lo studio che ha rivelato l’esistenza di ben 19 tipi di sorriso non è per nulla recente, si tratta infatti di una ricerca condotta dal Prof. Landis, dell’Università del Minnesota, nel 1924. Durante l’esperimento, i componenti di un gruppo campione vennero sottoposti a diversi trattamenti e le espressioni del loro volto furono fotografate in serie.

Malgrado il metodo poco etico di condurre l’indagine, ciò permise la costruzione di una tassonomia del sorriso che ha condotto verso i 19 idea-tipi di cui si è appena scritto. L’ipotesi confermata più rilevante è che solo sei fra questi tipi di sorriso sono effettivamente legati a una sincera sensazione di divertimento. In altri casi, sorridiamo per ragioni differenti che quasi sempre celano stati d’animo per nulla felici.

La ricerca sul sorriso

I ragazzi sottoposti allo studio di Landis del 1924 vennero introdotti in una stanza dell’università isolata a dovere. Sul loro volto venero tracciate delle linee all’altezza della bocca in modo da poter cogliere più chiaramente la loro espressione attraverso gli strumenti fotografici. Una volta seduti alle loro postazioni partì l’esperimento.

Il professore ricreò una serie di circostanze che avrebbero dovuto determinare precisi stati d’animo: dalla paura alla felicità, passando per l’orrore e la pietà. Fece esplodere dei petardi sotto le sedie degli studenti, rilasciò scariche elettriche e chiese di vivisezionare un topo. In gran parte di queste circostanze i soggetti rispondevano con un sorriso anche se la gioia e la felicità non erano esattamente gli stati d’animo prevalenti.

Interpretazioni

Paula Niendental, psicologa dell’Università di Wisconsin-Madison ha provato a interpretare le diverse reazioni del gruppo campione. La spiegazione più credibile sembra essere che il sorriso sia un segnale dei soggetti evoluti per dimostrare uno spirito cooperativo e non aggressivo.

In altri casi invece, sorridiamo più o meno consciamente per dare un’immagine distorta di noi stessi e delle nostre sensazioni, malgrado il nostro stato d’animo sia differente, talvolta in maniera radicale. Sorridiamo perché siamo in imbarazzo o per sedurre; perché soffriamo o siamo spaventati. Il sorriso è un comportamento gentile, che non ha nulla a che vedere con la felicità se non in poche circostanze. Siamo fatti così, è la nostra maschera per apparire di fronte al mondo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti