Instagram non fa bene agli adolescenti: la ricerca di Facebook

I dati allarmanti trapelati da una ricerca interna di Facebook

21 Settembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

I social network costituiscono un pericolo soprattutto per i nostri ragazzi. Non è allarmismo, ma la verità. Prima di dar loro in mano uno smartphone bisognerebbe educarli all’uso dei social. La conferma arriva da una ricerca interna di Facebook, che fa sapere che Instagram, piattaforma posseduta proprio dalla società di Facebook, non farebbe bene agli adolescenti.

La ricerca è trapelata sul Wall Street Journal e restituisce dati allarmanti: una giovane utente su tre sviluppa disturbi di percezione del proprio corpo, mentre altri ritengono che la piattaforma provochi loro angoscia e un aumento delle tendenze depressive, come riporta l’Ansa.

Il Wall Street Journal ha ottenuto i risultati delle ricerche condotte da Facebook dal 2019 in poi. “Il 32% delle ragazze adolescenti ha affermato che quando si sentivano male per il proprio corpo, Instagram le faceva sentire peggio“, secondo quanto riferito dai ricercatori. Secondo il Journal, i dirigenti hanno esaminato la ricerca che è stata citata in una presentazione fatta l’anno scorso anche al Ceo Mark Zuckerberg.

Tuttavia, secondo quanto riferito, Facebook ha faticato a gestire il problema. Nei mesi scorsi è anche trapelata la volontà della società di realizzare una versione di Instagram adatta agli ‘under 13’. In un post ufficiale, il capo delle public policy di Instagram, Karina Newton, ha spiegato che la società sta cercando modi per allontanare gli utenti da determinati tipi di post e contenuti. “Siamo cautamente ottimisti – scrive – sul fatto che questi suggerimenti aiuteranno a indirizzare le persone verso contenuti che elevano di più e sposteranno l’attenzione finora focalizzata sull’aspetto delle persone”.

In attesa che qualcosa si muova concretamente, non resta che fare un appello ai genitori perché non abbandonino i figli davanti a uno schermo che oltre a isolarli potrebbe nascondere diverse inside, soprattutto a livello psicologico, e rendere i nostri ragazzi ancor più fragili di quanto già non siano.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti