Kaka, l’uccello in via d’estinzione salvato in Nuova Zelandia

Dagli Anni Novanta a rischio estinzione, il kaka vive in Nuova Zelandia dove il santuario di Wellington ‘Zealandia’ ha accolto oltre mille nuovi nati.

23 Maggio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Il kaka (nome scientifico Nestor meridionalis) è un uccello degli Strigopodi nativo della Nuova Zelanda. Fin dagli Anni Novanta questo grazioso animale è inserito fra le specie a rischio estinzione e la sua sopravvivenza è messa davvero a dura prova. Ma una buona notizia per gli ultimi esemplari e per l’intero ecosistema arriva da Wellington e, nello specifico, dal santuario di Zealandia.

Il parco, infatti, ha dato il benvenuto a metà maggio a oltre mille nuovi nati che sono il frutto di un impegnativo progetto di conservazione e ripopolamento durato due decenni. E pensare che un tempo lo spazio che oggi ospita Zealandia e i suoi animali era un’area non popolata per la presenza di una diga. Questa serviva per approvvigionare d’acqua i centri limitrofi, tra i quali la stessa Wellington, e fu successivamente abbandonata nel 1997 per rischio sismico.

L’intuizione di Jim Lynch fu capire che quella valle deserta attorno alla struttura poteva essere recintata e sfruttata per salvaguardare le specie native a rischio. Così, nel 1999 la zona venne completamente delimitata, tutti i parassiti furono sterminati per poi trasferirvi solo animali autoctoni.

Nel 2012 i kaka erano solo quattrodici e la loro sopravvivenza era a rischio per la mancanza di alberi per la nidificazione. Per questo motivo gli operatori del parco provvedono a fornire costantemente i materiali e gli alimenti necessari a questi uccelli. E l’impegno di tutti è stato evidentemente premiato: oggi si contano kaka anche al di fuori di Zealandia, prova del fatto che questi uccelli sono riusciti a riprodursi anche a 200km di distanza.

Oltre ai kaka, il santuario ospita uccelli nativi quali kiwi, hihi, takahe, saddlebak e un rettile la cui esistenza risale all’età dei dinosauri. Quello che un tempo, dunque, era deserto, oggi è un asilo speciale per migliaia di animali.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti