L'assurdo metodo per non far copiare i compiti in classe

Un professore messicano ha inventato un sistema per non far copiare i suoi alunni durante l'esame, ma l'espediente non è piaciuto ai genitori

Un insegnante messicano, Luis Juarez Texis, ha suscitato un bel po’ di clamore inventando un sistema decisamente alternativo per impedire ai suoi alunni di copiare: durante un esame ha fatto infilare loro una scatola in testa, con un buco per gli occhi (in Algeria invece hanno fatto così).

La classe con la testa in scatola è stata fotografata e la foto pubblicata su Facebook da un gruppo di genitori indignati: sono loro ad aver chiesto alla scuola, il Colegio de Bachilleres Del Estado De Tlaxcala, nello stato centrale messicano di Tlaxcala, di licenziare l’insegnante che così facendo avrebbe intimidito ed umiliato i ragazzi.

🚨🔴 Maestro del Cobat 01 coloca cajas a alumnos para evitar que estos se copien; padres de familia acusan humillación y…

Pubblicato da Diario de Hidalgo su Mercoledì 28 agosto 2019

La storia è stata ripresa dal Daily Mail, che ha divulgato anche la risposta della scuola alle lamentele dei genitori: a quanto pare gli stessi ragazzi sarebbero stati d’accordo con l’esperimento, definito un “giocoso esercizio dinamico” che sarebbe servito anche ad aiutare lo “sviluppo psicomotorio degli studenti”

Il professor Texis non è stato comunque il primo ad inventare uno strumento per impedire ai suoi alunni di allungare l’occhio sul foglio del compagno: già nel 2013, in Thailandia, una scuola si era dovuta scusare con i genitori degli alunni che erano stati fotografati con cappelli anti-scopiazzatura, che consistevano in due fogli ai lati del viso retti da una coroncina di carta.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti