Martora avvistata sui Monti Sibillini: non succedeva da decenni

Un ulteriore indizio della straordinaria biodiversità dei Sibillini

5 Ottobre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Il Parco dei Monti Sibillini dà il bentornato a un animale che non si vedeva da un po’ da quelle parti. Una bella sorpresa dal punto di vista naturalistico. Stiamo parlando della martora, ripreso a settembre grazie ad una video trappola posta da Francesca Vercillo e Sara Marini nel territorio del Parco, dove risultava ormai assente da decenni.

Precedenti studi, infatti, non ne avevano evidenziato la presenza come invece attestano oggi, inequivocabilmente, le immagini riprese. “Si tratta di un documento importante perché ci consente di annoverare nuovamente la martora tra i mammiferi carnivori presenti nel Parco” fa sapere il presidente dell’ente, Andrea Spaterna, come riporta il sito Picenooggi.it.

“Si tratta di un video che prelude a ricerche più strutturate per dare consistenza al rinvenimento, ma, di certo, è un ulteriore tassello che conferma la straordinaria biodiversità dei Sibillini. Il fatto che la martora abbia riscoperto un proprio habitat nel Parco è indicatore della qualità del patrimonio boschivo e, quindi, di una natura forte pur in un contesto fragile, per il quale il rapporto con l’uomo deve sempre di più tendere ad un equilibrio sostenibile. Su questo dovremo continuare a impegnarci e lavorare. Bentornata martora!”.

La martora è un mammifero carnivoro appartenente alla famiglia Mustelidae. Il corpo è slanciato, lungo 35–55 cm, con coda di 25–30 cm. Il peso vivo di un adulto in media è di 0,8-1,2 kg, come riporta Wikipedia.it Il pelo è folto, morbido e lucente, sul dorso giallognolo marrone o marrone scuro; sul muso, la fronte e le guance marrone chiaro, sui fianchi e sul ventre giallognolo con ombre marroni scure sulle zampe. La gola e il sottogola sono spesso color tuorlo d’uovo, talvolta giallo chiaro. La macchia golare, a differenza della faina, non si estende mai verso gli arti. Il muso è allungato e le orecchie rotondeggianti, gli arti sono robusti e provvisti di forti unghie.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti