Gli animali che potrebbero fare concorrenza a Muhammad Ali

Alcune specie animali sono abilissime in combattimento e le loro performance sono meglio di un incontro di boxe

“Vola come una farfalla, pungi come un’ape”, diceva il grande Cassius Clay, poi diventato Muhammad Ali. Ma forse è il caso di cambiare animali.

Gli sport da combattimento sono praticati dagli uomini sin dall’alba dei tempi. Boxe, Muay Thai, MMA, Karate, Judo, sono solo alcune delle discipline che prevedono l’uso dei pugni e delle gambe. Quante volte, di fronte agli incontri più spettacolari, avete sentito salire l’adrenalina? Ecco, mettete da parte un attimo Muhammad Ali, Tyson e Rocky Marciano e fate largo ai gamberetti-mantide. Sì, avete capito bene: abbiamo proprio detto gamberetti-mantide. Questi animaletti possono generare una forza con un picco di oltre 2500 volte il loro peso corporeo in meno di 800 microsecondi. Sono stati inoltre in grado, in cattività, di rompere l’acquario nel quale erano contenuti con un solo pugno. Questi gamberetti si menano anche tra loro, ma non per uccidere, bensì per fare un po’ di sparring: vince quello che – proprio come Rocky Balboa – incassa la maggior parte dei colpi e rimane in piedi.

Anche gli insetti non si fanno parlare dietro: tra le formiche e le api ci sono alcune specie che hanno una forza sorprendente nella mascella e nelle antenne. Ed è proprio con quest’ultime che danno vita a dei veri e propri incontri di boxe per stabilire le gerarchie all’interno del nido. L’ Odontomachus brunneus è una specie nativa della Florida e riesce a tirare anche 41,5 colpi al secondo al suo avversario. Non a caso sono stati definiti come “i pugili più veloci mai esistiti”.

“Matto come una lepre marzolina” non è un’espressione coniata a caso. A marzo, infatti, inizia la stagione degli amori e le lepri iniziano a darsele di santa ragione per conquistare la propria amata. Un tempo si credeva che solo i maschi si scontrassero nei campi: nelle ultime ricerche, invece, è stato scoperto che pure le femmine menano come fabbri, soprattutto quando non si vogliono accoppiare.

Altri animali degni di essere nominati sono le zebre (anche se non si conosce l’effettiva potenza del loro calcio), i canguri, gli struzzi e le giraffe. Insomma, la prossima volta che passate sopra a un formicaio tenete alta la guardia!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti