Bagni di luce naturale: il segreto per essere felici

Ecco come riaccendere la luce interiore quando ci sentiamo spenti e alla ricerca di una felicità che ci sfugge di mano

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

La felicità è dentro di noi. Certo, a volte è davvero difficile rintracciarla e aiutarla ad emergere: le preoccupazioni di tutti i giorni, i momenti no, le ansie derivanti dalla società che ci circonda – in questo periodo più che mai – sono tutti fattori che rendono arduo credere a questa affermazione. Secondo gli esperti, però, ci sono alcuni modi per riaccendere la fiammella che arde in noi e che ci guida nella ricerca della nostra personale felicità. I bagni di luce naturale sono uno di questi. Ma di che cosa si tratta?

La luce chiama a sua volta altra luce: non sorprende allora che quella naturale, ovvero del sole così come del fuoco e della luna, aiuti l’uomo a far splendere la propria luce interiore. D’altronde per millenni l’essere umano ha potuto esporsi solo alla luce naturale, quindi è normale che il corpo e la mente ne risentano quando questa viene a mancare, come spiega Karl Ryberg, psicologo svedese. Egli consiglia di assumerla tutti i giorni. Come fare? La soluzione ideale sarebbe uscire a fare un giro all’aperto il più possibile (camminare al freddo aiuta corpo e mente, leggi qui). Quando invece si è costretti a rimanere a casa è opportuno stare almeno vicini a una finestra in modo da non abusare dell’illuminazione elettrica, che potrebbe avere un impatto negativo sui nostri ritmi fisici e mentali.

Come se non bastasse, uno studio dell’Università di Toronto pubblicato sulla rivista Journal of Psychology sostiene che quanto più ci si espone alla luce naturale tanto più siano vivide le nostre reazioni emotive. Questo accadrebbe perché la luce è assimilata al calore, che a sua volta ha il potere di scatenare le emozioni. Tale effetto avrebbe anche ripercussioni da non sottovalutare sulle nostre relazioni con gli altri, perché intensificherebbe il trasporto che si prova per le altre persone e l’attenzione e la cura nei loro confronti.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti