Da oggi pulire casa alle 6 del mattino è reato

Pulire casa alle 6 del mattino è reato. Lo afferma la Cassazione con una sentenza di condanna nei confronti di una casalinga napoletana

Fonte: Depositphotos

Pulire casa alle 6 del mattino da oggi sarà considerato come un reato. Tutte le casalinghe che si svegliano alle prime luci del mattino per dedicarsi al meglio alle faccende domestiche dunque dovranno iniziare a mettersi all’opera più tardi se non vogliono incorrere in una condanna penale. Pulire casa troppo presto infatti può configurarsi come reato in riferimento all’articolo 659 del codice penale.

Lo dimostra la vicenda di una casalinga napoletana che è stata querelata dai vicini per via dei rumori molesti che provenivano dalla sua casa di prima mattina a causa delle pulizie domestiche. La donna è stata condannata in entrambi i gradi dal Tribunale e la sentenza è stata confermata ora anche dalla Cassazione con la pronuncia n. 48315/2016.

A portare in tribunale la donna sarebbe stata la sua abitudine ad iniziare le faccende domestiche alle sei del mattino. Alle attività di pulizia la signora accompagnava anche altre condotte “inurbane”, come litigare con la figlia ed accendere la radio ascoltando musica ad alto volume. Il tutto in una zona molto popolata in cui, l’atteggiamento della donna, impediva il riposo dei vicini e lo svolgimento delle normali occupazioni.

Le pulizie di casa effettuate in quell’orario avrebbero dunque causato il disturbo delle quiete e impedito il riposo di diverse persone, tanto da costituirsi come reato. A nulla sono valse le rimostranze della donna, che era stata decritta dai testimoni della difesa come “tranquilla, calma e che non da fastidio a nessuno”. I giudici hanno accolto le richieste dei vicini. La donna è stata prima obbligata a pagare un’ammenda di 100 euro poi, dati i “continui, reiterati e inurbani comportamenti” della casalinga, la Corte di Cassazione ha deciso di condannarla in modo definitivo al pagamento delle spese processuali, pari a 2mila euro, in favore dei vicini disturbati e della cassa delle ammende.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti