Il lavoro in Lombardia che nessuno vuole fare: sei assunto subito

La crisi degli autisti di mezzi pubblici in Lombardia ha creato posti di lavoro disponibili

13 Dicembre 2023
Stefania Cicirello

Stefania Cicirello

Content Specialist

Content writer, video editor e fotografa, ha conseguito un Master in Digital & Social Media Marketing. Scrive articoli in ottica SEO e realizza contenuti per social media, con focus su Costume & Società, Moda e Bellezza.

Fonte: 123rf

La richiesta di autisti di mezzi pubblici in Lombardia, in particolare nella zona di Monza e Brianza, è elevata. Nonostante ciò, questa posizione lavorativa rimane sorprendentemente disertata, creando gravi inconvenienti per la mobilità cittadina e i pendolari.

Una nuova opportunità di lavoro

Di conseguenza, la crescente carenza di autisti e le dimissioni in massa stanno aprendo un’opportunità unica in questo settore lavorativo. Le aziende dei trasporti pubblici si trovano di fronte a una situazione in cui la necessità di personale è urgente, aprendo spazi di impiego immediato per coloro che sono alla ricerca di lavoro. Questa carenza potrebbe rappresentare un’apertura concreta per aspiranti autisti desiderosi di inserirsi in un settore che richiede competenze specifiche ma che offre, allo stesso tempo, prospettive di impiego stabile.

La Lombardia fa i conti con il lavoro che nessuno vuole fare

Durante il recente consiglio comunale dell’11 dicembre, è emerso un quadro preoccupante: la carenza di autisti di autobus, un problema protrattosi nel tempo, sta generando significativi disagi nella gestione delle corse, soprattutto negli orari critici di ingresso e uscita delle scuole.

Il consigliere Simone Villa della Lega ha sollevato questa problematica, esortando la giunta guidata dal sindaco Paolo Pilotto a prendere posizione in modo più incisivo nei tavoli istituzionali. Il suo obiettivo è risolvere la crisi delle corse, ma per farlo sono necessari più autisti, in particolare incentivando questa professione, attualmente in grave crisi, soprattutto tra i giovani.

Corse soppresse e disagi per i cittadini

La situazione critica è evidente, con corse soppresse come nel caso della linea Z222 dal 17 settembre, causando lamentele da parte degli utenti. La carenza di autisti non riguarda solo questa linea, ma anche altre come la 202, 206 e 208, generando disagi persistenti per chi dipende dai mezzi pubblici.

Lombardia alla ricerca di autisti per i mezzi pubblici

Tuttavia, risolvere il problema non è semplice. L’assessore alla Viabilità Giada Turato ha spiegato che il tema è strettamente legato a questioni sindacali, con un’alta percentuale di autisti che hanno preferito altri contratti lavorativi, provocando dimissioni di massa. Questo ha peggiorato ulteriormente la situazione, rendendo necessario un intervento del governo per affrontare il problema contrattuale.

Come migliorare il lavoro dell’autista di mezzi pubblici?

Per rendere allettante questa professione e garantire un miglioramento nei servizi offerti, si richiede un intervento urgente e coordinato tra istituzioni, aziende e governo. Inoltre, sono stati proposti piani futuri, come la creazione di corsie dedicate ai pullman durante la progettazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (Pums), al fine di agevolare la circolazione e garantire una maggiore frequenza di corse.

La carenza di autisti di mezzi pubblici in Lombardia, specie nella zona di Monza e Brianza, continua a essere un problema non risolto. Affrontare questa sfida richiede un impegno comune per incentivare la professione e trovare soluzioni immediate a livello contrattuale, altrimenti, i disagi per i pendolari continueranno a persistere nel tempo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti