Il pianeta in cui un anno dura solo 16 ore

La NASA ha individuato un pianeta da record, dove un anno dura meno di un giorno sulla Terra!

3 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: ANSA

Arrivati a dicembre 2021 ci sembra ormai che l’ennesimo anno sia passato in un soffio. Ma sapevate che negli altri pianeti l’anno non dura 365 giorni come sulla Terra? Anzi, ne esiste uno dove il tempo sembra scorrere davvero rapidamente… volete sapere qual è? Andiamo a scoprirlo insieme!

Partiamo dal principio. Gli scienziati del MIT (Massachusetts Institute of Technology) stanno studiando un pianeta da record, simile a Giove per composizione, ma sul quale un anno dura appena 16 ore. Scoperto dagli osservatori della NASA ai primi di dicembre, il pianeta orbita intorno alla stella TOI-2109 e, per ora, porta il nome in codice di TOI-2109b.

Si tratta di un corpo celeste extrasolare composto interamente di gas che, per la brevità del suo periodo di rivoluzione, detiene già il record di pianeta dall’anno più corto dell’universo. Almeno per ora. Ma, oltre a possedere un anno estremamente corto, il nuovo arrivato nella schiera dei pianeti appartiene alla categoria dei Pianeti Gioviani Caldi, ovvero quei pianeti dalla massa confrontabile o superiore a quella di Giove che orbitano molto vicino alla propria stella madre.

Rispetto a Giove, però, il nuovo pianeta è ben cinque volte più grande e ha una temperatura superficiale immensamente superiore. Durante il giorno, infatti, il pianeta arriva a 3.500 °K (circa 3.200 °C), ovvero pari a quella di una piccola stella.
È per questo che, anche se gli astronomi hanno identificato oltre 400 Pianeti Gioviani Caldi in tutto l’universo, la nuova scoperta sembra essere unica in tutto e per tutto.

Anche perché, per i ricercatori, è incredibilmente interessante osservare il movimento che il pianeta stesso sta compiendo verso la sua stessa stella. Movimento che un giorno lo vedrà completamente inghiottito da essa. Nel giro di un paio di anni, gli scienziati potrebbero già rilevare con precisione quanto tempo possa impiegare l’intero procedimento, anche se probabilmente impiegherà qualcosa come 10 milioni di anni.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti