In questi Stati è molto difficile trovare alcolici

Ecco che cosa sta succedendo in molte zone degli Stati Uniti

27 Settembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Diversi stati in tutti gli USA hanno iniziato a soffrire della carenza di alcol. Recentemente il sito Npr.org ha riferito che Vermont, North Carolina, New Jersey, Pennsylvania e Ohio sono tra gli stati che potrebbero assistere a un periodo di “siccità”. Alcuni stati, come la Virginia e la Pennsylvania, hanno iniziato a limitare le quantità di particolari liquori che è possibile acquistare.

Ad agosto The Drinks Business, come riporta Mashed.com, ha scritto che la revoca di vari mandati COVID ha scatenato una massiccia impennata degli acquisti di alcolici. C’erano bar che riaprivano, ristoranti che avevano bisogno di scorte e persone che si erano abituate a bere a casa che contribuivano alla domanda. Inoltre, questa famelica domanda è legata da una catena di approvvigionamento globale che risente ancora degli shock delle interruzioni della pandemia.

Supply Chain Dive afferma che queste interruzioni includono più delle semplici normative COVID-19 che bloccano le bevande importate. Molte distillerie importano il loro vetro, il che significa che qualsiasi interruzione crea un arretrato. Ci sono stati problemi con il sistema elettronico della Carolina del Nord che gestisce la spedizione di alcolici, oltre a una serie di altri problemi. Anche se questi disagi potrebbero rivelarsi insormontabili da soli, la loro confluenza con il mondo sempre caotico della pandemia è stata evidentemente troppo per alcuni marchi come Hennessey, il cui cognac avrà un limite di acquisto di due bottiglie in Pennsylvania.

Molti dei problemi che contribuiscono alla carenza di alcol e ai razionamenti provengono dalla catena di approvvigionamento. Tuttavia, la domanda ha anche colto in contropiede alcuni produttori.

David Ozgo, capo economista del Distilled Spirits Council degli Stati Uniti, ha spiegato a Npr che i distillatori non possono produrre le loro bevande per soddisfare i capricci della domanda attuale. Ci vogliono anni per far crescere il raccolto, distillare la bevanda e invecchiare lo spirito finale. Quindi, quando c’è un’improvvisa ondata di popolarità come quella di cui ha goduto la tequila, “non puoi tornare indietro di cinque anni e piantare retroattivamente più agave”, ha detto Ozgo. “Non funziona così.”

Non c’è modo per i produttori di affrontare questo problema se non quello di produrre più tequila per un po’ di tempo in futuro e sperare che la domanda non sia diminuita drasticamente a quel punto. Ma come mostra la situazione attuale, prevedere che si verificherà un aumento o una diminuzione dei consumi negli anni a venire può essere difficile.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti