Richiesta in tutto il mondo, ecco la modella con sindrome di Down

Madeline Stuart ha 22 anni ed è stata la prima modella con sindrome di Down a calcare la passarella della New York Fashion week

Fonte: it.123rf.com

Con il suo sorriso, i suoi capelli rossi e le sue adorabili mosse da diva, Madeline Stuart sta lasciando -metaforicamente e non- il segno su ogni passarella che calca: la 22enne di Brisbane, Australia, è stata la prima modella con sindrome di Down a sfilare alla New York Fashion Week e da allora non si è più fermata.

Come racconta la mamma Rosanne, Madeline ha capito molto giovane che voleva fare la modella: le è bastato assistere ad una sfilata per spiegare lei stessa alla madre che voleva stare sulla passerella e non seduta fra il pubblico. Si è impegnata duramente ed ha perso più di 20 kg: a quel punto Rosanne, che da giovane era stata modella a sua volta, le ha organizzato un servizio fotografico professionale ed ha caricato qualche foto su Facebook.

Da lì, la carriera di Madeline ha preso il volo: le foto sono diventate virali, con 7 milioni di views in tutto il mondo, e la ragazza è stata chiamata dallo stilista sudafricano Hendrik Vermeulen per la sua prima sfilata a New York, durante la Settimana della Moda.

Il mondo dell’haute couture sta diventando un posto migliore anche grazie a Madeline: è difficile portare l’inclusività nell’ambiente “esclusivo” per eccellenza, ma la presenza di Madeline Stuart su tantissime passerelle ormai in tutto il mondo lancia un messaggio forte e chiaro. Nella moda c’è spazio anche per la meravigliosa diversità espressa da Madeline e dalle persone come lei.

Madeline ha sfilato per stilisti come Colleen Morris, Nonie, Lulu et Gigi and Zula Designs: il suo sogno è arrivare al Victoria’s Secret Fashion Show (dove ha sfilato la bellissima Winnie Harlow, modella con vitiligine, ma dove sono state anche rifiutate modelle celebri) Nel frattempo si da moltissimo da fare: tra una sfilata e l’altra ha fondato una casa di moda che si chiama 21 Reasons why (un’allusione alla sindrome di Down, causata dalla terza copia del cromosoma 21) e una scuola di danza. E’ seguitissima sui social, dove ha quasi 1 milione di followers, ed è anche fidanzata con un ragazzo conosciuto ai Giochi paralimpici 4 anni fa.

La vita di Madeline è molto intensa, ma lei è felice ed orgogliosa: “Ci sono ancora persone che non mi prendono sul serio – ha dichiarato in un’intervista a Teen Voguema io merito di essere trattata come le altre modelle, lavoro duramente quanto loro (…) Per me è molto emozionante perché dimostra che ho cambiato il modo in cui l’industria della moda considera la diversità

Dall’esordio di Madeline Stuart alla New York Fashion Week, infatti, altre ragazze con sindrome di Down sono state scelte come modelle: nel 2017 la sua storia è finita anche su Forbes, che l’ha definita come la modella che è riuscita normalizzare la sindrome di Down in passerella.

Quest’anno le passerelle newyorchesi non hanno goduto della brillante presenza di Madeline, assente per motivi di salute. La giovane modella, che era stata ingaggiata da ben due stilisti, si è dovuta sottoporre ad un delicato intervento al cuore, per chiudere una valvola difettosa: è andato tutto bene e Madeline sta progettando il suo ritorno per il 21 marzo a Jakarta, dove verrà festeggiata la Giornata Mondiale della Sindrome di Down con uno show.

 

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti