0, 1, 0, 0, 0, 0, 0 trend

Il mostro delle stelle: identificato il primo buco nero solitario

Un buco nero solitario nella Via Lattea: vi sveliamo l'incredibile scoperta degli scienziati giapponesi

Un mostro fra le stelle che sino ad oggi era sfuggito all’occhio attento degli astronomi. Stiamo parlando del primo buco nero solitario individuato nella Via Lattea. La scoperta, considerata straordinaria, potrebbe rivoluzionare la nostra visione dell’Universo e dare vita ad altri studi.

Per gli studiosi infatti nello Spazio potrebbero esserci miliardi di buchi neri erranti che non abbiamo ancora visto. Scoprire questa formazione infatti non è semplice. Questa volta a guidare gli scienziati sarebbe stata l’analisi del moto di una nube di gas situata in un angolo della Via Lattea. Al suo interno si nascondeva un buco nero. 

Ad oggi conosciamo solo poche decine di buchi neri erranti, queste formazioni sono nere e completamente invisibili nello Spazio. Vengono individuati solamente grazie agli effetti che provocano negli oggetti vicino a loro. Dagli studi è emersa la velocità e l’energia della nube di gas.

Quando una stella gli passa accanto, il buco nero risucchia il suo plasma. Il materiale forma un disco che si surriscalda e produce delle intense radiazioni. Sono state queste ultime ad attirare l’attenzione degli scienziati che le hanno individuate grazie a potenti telescopi. Una cosa che sarebbe stata impossibile in altre situazioni.

Il buco nero è stato trovato da un gruppo di astronomi guidati da Masaya Yamada e Tomoharu Oka della Keio University, in Giappone. La nube è stata soprannominata Bullet, ha un diametro di 2 anni luci e si muove ad una velocità di 100 km al secondo in senso contrario rispetto alla Via Lattea.

“Mentre si muove, la maggior parte dei gas si espande a una velocità di 120 chilometri al secondo – ha svelato Yamada parlando della scoperta del buco nero -. La sua energia cinetica è qualche decina di volte superiore a quella generata dalla supernova W44: è una situazione “impossibile” che meritava di essere indagata”.

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti