Scoperto buco nero mostruoso che smentisce la scienza

La sorprendente scoperta di un buco nero risalente a soli 400 milioni di anni dopo il Big Bang mette in discussione la attuali teorie

22 Gennaio 2024

Recentemente, gli astronomi hanno annunciato la scoperta di un buco nero senza precedenti, gettando nuova luce sulle nostre comprensioni dell’universo primordiale. Questo fenomeno è stato individuato appena 400 milioni di anni dopo il Big Bang, sfidando le attuali teorie scientifiche.

Il buco nero individuato dal James Webb

Il “mostruoso” buco nero, il più antico mai osservato, è caratterizzato da una massa milioni di volte superiore a quella del nostro Sole. Questo ritrovamento ha catturato l’attenzione della comunità scientifica in quanto non si adatta alle previsioni sugli stadi di formazione e crescita dei buchi neri. Secondo le ipotesi tradizionali, avrebbe dovuto richiedere miliardi di anni per raggiungere le dimensioni attuali. Tuttavia, questo buco nero sembra essere cresciuto in modo sorprendentemente rapido nella storia dell’universo.

Gli astronomi, guidati da ricercatori dell’Università di Cambridge, hanno utilizzato il potente telescopio spaziale NASA/ESA/CSA James Webb per effettuare questa straordinaria scoperta. La sensibilità avanzata dello strumento, soprattutto nell’infrarosso, ha permesso loro di penetrare negli angoli più remoti dell’universo, rivelando fenomeni finora inimmaginabili.

Perché la nuova scoperta “smentisce” ciò che si sapeva fino a oggi dei buchi neri

La nuova scoperta del buco nero sfida le conoscenze e le teorie precedentemente accettate dagli esperti sulla formazione e crescita dei buchi neri. Questa eccezione al modello tradizionale di sviluppo dei buchi neri ha portato a una reinterpretazione dei processi cosmici e ha sollevato interrogativi sulle nostre attuali comprensioni scientifiche:

  • La dimensione del buco nero appena scoperto suggerisce una crescita molto più rapida di quanto previsto.
  • La teoria scientifica suggerisce che i buchi neri supermassicci si sviluppino nel corso di miliardi di anni. La scoperta di un buco nero così massiccio non coincide con le tempistiche secondo i modelli di formazione conosciuti fino ad ora.

In sintesi, questa scoperta mette in discussione le attuali teorie scientifiche sulla formazione e crescita dei buchi neri, indicando che ci potrebbero essere meccanismi di sviluppo alternativi o processi cosmici ancora sconosciuti. La sfida aperta da questo nuovo scenario spinge gli scienziati a rivalutare le loro concezioni e a cercare spiegazioni innovative per comprendere meglio la complessità dei fenomeni cosmici

L’osservazione del buco nero è stata resa possibile quando è stato rilevato incandescente e a emissione ultravioletta. Questo comportamento, sebbene simile ad altri buchi neri, ha sorpreso gli scienziati per la sua rapida crescita. Il buco nero sembra “mangiare” la sua galassia ospite a un ritmo cinque volte superiore a quanto precedentemente considerato possibile.

Le speranze per il futuro

La galassia ospite, denominata GN-z11, è notevolmente più piccola della Via Lattea. Il buco nero, con la sua smisurata appetibilità, potrebbe influenzare negativamente lo sviluppo della galassia stessa. Con il telescopio James Webb e ulteriori ricerche, gli astronomi sperano di comprendere meglio i meccanismi di formazione dei buchi neri e il loro impatto sulle galassie circostanti. Questo incredibile ritrovamento apre quindi nuove e interessanti prospettive nella comprensione dell’universo e ci dimostra che c’è ancora molto da imparare, anche quando si tratta dei suoi aspetti più antichi e misteriosi.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti