Perchè le uova hanno tale forma?

Un recente studio della Princeton University sulle uova di uccello ha portato alla conclusione che la loro forma è determinata delle abilità di volo

Fonte: Pixabay

Gli uccelli sono una categoria di animali vertebrati che comprende in realtà una varietà di specie con dimensioni, forme, estensioni alari, colori e qualità molto diverse tra loro. Basti pensare che nemmeno la capacità di volo è un denominatore comune: esistono infatti alcuni uccelli, come i pinguini e gli struzzi, che non possono volare.

Lo stesso discorso vale per le uova di questi uccelli, che variano da specie a specie e possono essere anche molto diverse tra loro in quanto a dimensioni, forma e colore. Una ricerca, recentemente pubblicata sulla rivista scientifica “Science”, ha dato a questo fenomeno una spiegazione convincente: la forma delle uova varia a seconda di come gli uccelli volano e di come si sono evoluti per farlo.

Lo studio: la membrana delle uova

A occuparsi del coordinamento dello studio è stata la ricercatrice Mary Caswell Stoddard, della Princeton University in New Jersey. Stoddard e i suoi colleghi, esperti di diverse discipline, che spaziavano tra ornitologia, fisica, informatica e matematica, hanno realizzato un sofisticato software, “Eggxtractor”, in grado di analizzare le fotografie delle uova e di determinare in automatico la loro forma e le loro dimensioni.

I dati analizzati, messi a disposizione dal Museum of Vertebrate Zoology di Berkeley, in California, hanno portato alla classificazione delle uova, sulla base della loro forma, in circa 50mila categorie. I ricercatori si sono concentrati sullo studio della membrana dell’uovo, ovvero lo strato al di sotto del guscio, nel quale si sviluppa il pulcino. È la membrana a determinare la forma del guscio, dunque può aiutare a capire come si sviluppa la forma dell’uovo.

La correlazione tra volo e uova

L’analisi si è poi incentrata sulle caratteristiche fisiche degli uccelli e sul modo in cui volano, che è stato messo in relazione con la forma delle uova deposte. I risultati mostrano che è proprio la capacità di volo della specie a influenzare tali forme. Alcuni volatili abili, con un corpo snello e allungato, depongono uova lunghe e asimmetriche, più facili da trasportare.

Uccelli abituati a volare meno, quali sono i gufi, producono uova quasi totalmente sferiche, dato che non sussiste il problema del trasporto prima della posa. Lo studio potrebbe aiutare a comprendere meglio l’evoluzione degli uccelli, ma anche di altre specie.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti