Se ricevete questo sms, è una truffa (e qualcuno vi sta spiando)

I truffatori cercano di convincervi di aver ricevuto un sms da Poste Italiane: ci riescono controllando i vostri movimenti!

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

L’ultima truffa corre sul filo degli SMS e il mittente è quanto mai conosciuto: Poste Italiane. Ovviamente non è la vera Poste Italiane a inviare gli SMS incriminati, ma criminali informatici che riescono a imitarla molto bene, tanto da trarre in inganno anche gli utenti più smaliziati.

Massima attenzione dunque ad eventuali comunicazioni via sms: nel dubbio, contattate sempre la vostra filiale di riferimento.

La truffa in questione funziona così: si viene avvertiti tramite SMS da Poste Italiane che c’è un problema con un’operazione effettivamente effettuata poco prima. L’SMS punta ad allarmarvi, in modo che siate indotti a cliccare sul link proposto, che vi rimanda ad un sito esterno, apparentemente uguale a quello di Poste. Si tratta di una pagina clone, dove si viene invitati a inserire i proprio dati di accesso e così facendo si consegna il tutto nelle mani dei criminali, che possono agevolmente svuotare il conto.

La gravità di questa truffa è doppia, visto che non solo imita perfettamente la pagina ufficiale di Poste Italiane, ma tiene anche d’occhio i movimenti delle sue vittime: nell’sms che si riceve, infatti, viene menzionata un’operazione effettivamente fatta poco tempo prima (un bonifico, un prelievo, qualunque altro tipo di pagamento).

Cosa fare se si riceve questo sms? Come detto in apertura, non cliccare nulla e rivolgersi alla propria filiale, segnalare e seguire le istruzioni che vi verranno date. E’ inoltre importante cambiare frequentemente le password di accesso al sito, per rendere la vita più difficile possibile agli hacker (ecco quali sono le più usate dagli italiani).

Come difendersi dalle truffe telematiche in generale? Ricordando che nessun istituto di credito vi chiede i vostri dati di accesso via mail o sms, tantomeno le password per accedere ai conti correnti o nessun altro dato personale. Quando ricevete un sms che vi incita a cliccare su un link, sempre meglio verificare tramite la vostra filiale e non fare in nessun caso accesso con i vostri dati su pagine web generate da questi link, anche se sembrano identiche alle originali.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti