Fai ogni giorno la stessa colazione? Ecco il motivo scientifico

Avete notato che ogni giorno (o quasi), a colazione tendiamo a mangiare le stesse cose? Una ricerca scientifica ci spiega il perché

20 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Caffè e cornetto, latte e cereali, tè e biscotti, pane e marmellata… O, per i più audaci, un bel britannico bacon and eggs. In tanti sanno che la colazione è il “pasto più importante della giornata”, ma spesso si tratta di un momento di tranquilla abitudinarietà, nel quale mangiamo e beviamo sempre le stesse cose. Ebbene, uno studio ci rivela finalmente per quale motivo, ogni giorno, facciamo la stessa colazione.

Le opzioni, come abbiamo detto poco fa, non mancano certo. Ma, nonostante una possibilità di scelta molto vasta, la stragrande maggioranza delle persone (circa il 68%) ripete ogni mattino gli stessi gesti, mangiando a colazione esattamente le stesse cose.

Uno studio firmato da Romain Cadario dell’Università di Rotterdam e da Carey K. Morewedge della Questrom School of Business di Boston spiega il perché di questa abitudinarietà. Spesso si tratta soltanto di una questione di routine, ovvero della colazione che diventa parte integrante dell’agenda. Di uno scheduling rigido dovuto alla frenesia della nostra vita quotidiana.

Mangiare sempre le stesse cose, colazione dopo colazione e mattina dopo mattina, integrano dunque quel momento nella nostra quotidianità. Ma c’è anche un altro motivo: fare colazione con i soliti ingredienti aiuta a non sforzare troppo il cervello. Un trucchetto che ci permette di pensare il meno possibile e quindi a non far stancare inutilmente il nostro corpo nelle prime ore del mattino.

Qualcosa di simile avviene anche nella routine di chi riesce già a preparare in anticipo i vestiti da mettere ogni giorno. Prendere decisioni è infatti molto stancante per il nostro cervello, anche quando si tratta di quelle meno impegnative come cosa indossare o, appunto, cosa mangiare a colazione.

Lo studio conclude inoltre che, mentre la colazione risponde solitamente ai medesimi schemi, la maggior parte delle persone ama variare ciò che mangia a pranzo o a cena, ovvero in pasti che diventano momenti di piacere, nei quali la difformità dagli schemi riesce a corrispondere ai bisogni edonistici della mente umana.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti