Un lampo di luce blu fotografato dallo spazio: di cosa si tratta

La nuova spettacolare foto arriva da Thomas Pesquet, neo comandante della ISS

15 Ottobre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

Un lampo di luce blu è stato fotografato dallo spazio. Ma di che cosa si tratta? Innanzitutto la foto arriva da Thomas Pesquet, neo comandante della ISS (Stazione Spaziale Internazionale) ed astronauta francese dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ed è stata condivisa sul suo profilo Flickr.

Il lampo di luce blu fa parte, come riporta Fanpage.it, dei cosiddetti eventi luminosi transitori o TLE (acronimo inglese che sta per transient luminous event), ovvero un insieme di peculiari fenomeni elettrici legati alla famiglia dei fulmini. In genere durano pochi millisecondi, ma possono durare anche un paio di secondi. Sono difficilissimi da osservare specie dalla superficie terrestre e hanno forme e colori spettacolari, in genere blu o rossi.

Il lampo immortalato da Thomas Pesquet è un getto blu (blue jet), un lampo di luce dalla forma conica che nell’alta atmosfera si proietta dalla superficie delle nuvole verso l’alto durante un temporale. Il fatto che si verifichino al di sopra delle nubi temporalesche ne rende l’osservazione molto difficile dalla Terra. La Stazione Spaziale Internazionale è invece un posto privilegiato per osservarli e studiarli.

I getti blu hanno origine quando la scarica elettrica si propaga attraverso la regione caricata negativamente (nella porzione superiore delle nubi temporalesche) prima di passare attraverso quella positiva nella porzione inferiore. Ecco perché il fulmine si scatena verso l’alto e non verso il basso. Perché invece è blu? Il particolare colore è semplicemente dovuto alla reazione con l’azoto molecolare.

“Ciò che è affascinante di questo fulmine è che solo pochi decenni fa erano stati osservati aneddoticamente dai piloti e gli scienziati non erano convinti che esistessero davvero”, ha fatto sapere l’astronauta su Flickr. Dopo pochi anni, continua Pesquet, è possibile confermare che ELVES e SPRITES (diversi tipi di eventi luminosi transitori NDR) “sono molto reali e potrebbero influenzare anche il nostro clima”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti