"Abbiamo scoperto Proxima b, un pianeta simile alla Terra"

Proxima b: pianeta abitabile di recente scoperta appena fuori dal nostro sistema solare. Rappresenta la notizia astronomica più importante del momento

Un pianeta ‘simile alla Terra‘ trovato in orbita intorno alla stella più vicina al nostro sistema solare potrebbe essere la nostra migliore scommessa per la ricerca di vita aliena. E’ questo la storia del pianeta Proxima b, il pianeta più vicino al nostro sistema solare.

Gli astronomi hanno trovato la prova evidente che Proxima B – il nostro più vicino esopianeta, quattro anni e mezzo di luce di distanza, orbita intorno alla stella Proxima Centauri.Gli astronomi credono che abbia una temperatura adatta per l’acqua liquida che esiste sulla sua superficie, suggerendo che la vita aliena potrebbe essere trovata sul mondo roccioso che è un po’ più massiccio della Terra.

La scoperta di Proxima B

Per fare la scoperta, i ricercatori hanno osservato regolarmente Proxima Centauri utilizzando lo spettrografo Harps e il telescopio di 3,6 metri dell’ESO a La Silla in Cile, mentre altri hanno anche tenuto d’occhio la stella più vicina alla Terra, a parte il sole, come parte della campagna Pale Red Dot.

Un team internazionale di astronomi guidati da Guillem Anglada-Escudé dalla Queen Mary University of London, ha cercato l’oscillazione della stella che verrebbe causata dalla forza gravitazionale di un possibile piano in orbita.

Caratteristiche del nuovo pianeta

La fresca, rossa stella nana è parte di un triplo sistema di stelle nel vicino sistema solare di Alpha Centauri, a circa 25,2 miliardi di miglia dalla Terra, ed è anche l’obiettivo del primo tentativo del genere umano di recarsi in un altro sistema stellare, il progetto Starshot.

Proxima Centauri si avvicina alla Terra a circa cinque chilometri all’ora – tipico passo d’uomo umano – e, a volte sfuggente alla stessa velocità. Anche se le orbite sono molto più vicine alla sua stella di quanto Mercurio al nostro Sole, la stella stessa è di gran lunga più debole del Sole. Come risultato, Proxima b si colloca entro la zona abitabile attorno alla stella con una temperatura superficiale stimata che prevede la presenza di acqua liquida.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti