0, 1, 0, 0, 0, 0, 1 trend

Anguria, per capire se è dolce guarda la ‘ragnatela’ sulla buccia

Dal peso alla forma, dalla superficie alla polpa: ecco come scegliere l’anguria più gustosa.

12 Luglio 2022

Uno degli alimenti più apprezzati nella stagione estiva è l’anguria, perfetta a fine pasto o per spezzare la fame senza sensi di colpa. Rinfrescante e leggera, infatti, l’anguria è tra gli ortaggi – ebbene sì, non è un frutto! – più acquistati in estate, capace di mettere d’accordo grandi e piccoli. Grazie al suo basso apporto calorico, poi, una fetta è lo spuntino perfetto di metà giornata anche nel caso di diete dimagranti.

Ad alto potere idratante (è composta per circa il 90% di acqua), l’anguria garantisce anche preziosi nutrienti. Fra questi, per esempio, vitamine (A, B6 e C), minerali (potassio e magnesio) e fibre utili per il benessere dell’organismo. Su tutti, però, domina il licopene, potente antiossidante che è responsabile della colorazione rosso acceso della polpa. Presente anche nei pomodori, questo componente è un alleato per mantenere sotto controllo i livelli del colesterolo e della pressione sanguigna. Inoltre, coadiuva la prevenzione di patologie cardiache e di alcuni tumori.

Ma come fare a riconoscere un’anguria dolce e ben matura quando siamo al supermercato o dal fruttivendolo? Esistono alcuni dettagli a cui prestare attenzione per avere la certezza di portare a tavola un piatto delizioso. Per prima cosa, controlliamo sulla buccia esterna la ‘ragnatela’, ovvero i filamenti che solcano la superficie. Questi, per quanto antiestetici, stanno a significare che le api si sono posate sull’anguria durante la fase di impollinazione e sono un indice di dolcezza.

Inoltre, la parte gialla (che indica il punto in cui l’anguria ha toccato terra) deve essere scura e non tendente al bianco. Poi, attenzione alla forma: meglio scegliere angurie tondeggianti e compatte, di medie dimensioni, rispetto a quelle dalla forma allungata. Diamo anche un’occhiata al gambo: se è secco significa che l’anguria è pronta per essere gustata. Se, infine, quando apriamo a casa la nostra anguria, vi sono all’interno delle crepe, meglio non mangiarla dal momento che sono il segnale dell’uso di sostanze chimiche durante la coltivazione.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti