0, 0, 1, 0, 0, 0, 0 trend

Il nipote di Bud Spencer è la promessa delle arti marziali miste

Carlo Pedersoli jr, nipote del grande Bud Spencer, è un campione di MMA, le arti marziali miste. Come il nonno, ha grinta e carattere

L’MMA è uno sport ancora poco conosciuto che comincia a far parlare di sé grazie a Carlo Pedersoli jr, il nipote di Bud Spencer, il famoso attore scomparso nel 2016. Il ragazzo è tra i più forti esponenti delle MMA, le arti marziali miste e dimostra che fare a pugni è una dote di famiglia.

Ma, mentre il nonno Bud picchiava per scherzo, nei numerosi film girati in coppia con Terence Hill, Carlo è un picchiatore professionista dal 2014.

Pedersoli si è avvicinato a questo sport dopo essere passato dal karate al football americano. A 15 anni, la scoperta delle arti marziali miste, grazie allo zio Manlio. A 18 anni il primo combattimento di MMA, senza alcun tipo di preparazione o allenamento, che vince con un KO al primo secondo, conquistando il campionato italiano in serie C. Carlo capisce che questo è lo sport della sua vita e riesce ad arrivare in serie A.

In Giappone, Pedersoli è stato soprannominato “Semento”, pronuncia giapponese della parola “cemento”, che fa capire come viene visto nel mondo delle MMA.

Pedersoli è fiero di essere il nipote di un personaggio come Bud Spencer, che, oltre a essere un celebre attore, da giovane è stato un grande sportivo, praticando nuoto e pallanuoto a livello agonistico. Carlo jr racconta che il nonno era molto orgoglioso del fatto che il ragazzo avesse intrapreso una carriera sportiva, prendendolo anche un po’ in giro: «Mi elogiava, sempre. Ma la cosa che mi divertiva di più era che dopo i complimenti mi ricordava che era più campione di me…e mi smontava la gioia che avevo. Se c’è una cosa che mi diceva sempre era: potevi scegliere uno sport più remunerativo. Per le botte che prendi, non ti paga abbastanza». Bud Spencer è stato sempre di grande ispirazione e insegnamento per Carlo, soprattutto per la tenacia e la perseveranza che mette negli allenamenti. Quando c’è da preparare un match, Carlo si allena sei giorni su sette per due volte al giorno, in tutte le fasi del combattimento.

Quando non combatte, Carlo Pedersoli jr insegna arti marziali, che gli permette di potersi dedicare a un’altra delle sue passioni: collezionare modo d’epoca.

Il nipote di Bud Spencer è la promessa delle arti marziali miste
immagine- Fonte: Twitter

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti