1, 2, 2, 2, 1, 0, 0 trend

Che differenza c'è tra esame urine e urinocoltura

Quale differenza c'è tra esame delle urine e urinocoltura? La parola agli esperti! Mediante la lettura di questo articolo, capirete la reale funzione di questi due esami

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Che differenza c’è tra esame delle urine e urinocoltura? Sicuramente, il termine urin- ci rimanda al liquido biologico elaborato dai reni mediante la filtrazione glomerulale e riassorbimento tubulare del plasma, eliminato attraverso l’uretere, la vescica urinaria e l’uretra. Il termine deriva dal latino ‘urina’ affine al greco ‘ûron’ che significa, appunto, urina.

Nonostante l’assonanza dei nomi, la differenza c’è tra esame delle urine e urinocoltura. Approfondiamo in maniera sistematica e scientifica tale diversità, al fine di capire quali siano le reali funzioni di questi esami biologici e microbiologici, a cosa servono e come si eseguono sia dal punto di vista del patologo, sia da quello del paziente.

L’esame delle urine è costituito da una serie di esami di laboratorio che permette di analizzare le proprietà chimiche e fisiche delle urine e del sedimento correlato. Consente, inoltre, di individuare eventuali patologie a carico dei reni e delle vie urinarie, la presenza di malattie sistemiche o sostanze tossiche. Viene eseguito, se necessario, attraverso l’osservazione al microscopio.

Il prelievo è davvero molto semplice: va effettuato al mattino, raccogliendo il mitto intermedio in un contenitore sterile. Si scarta, quindi, la parte iniziale e finale della minzione. Quella iniziale serve per depurare l’uretra dal mitto precedente e da ipotetici batteri, quella finale potrebbe essere contaminata dal residuo sito in vescica.

Invece, l’urinocoltura è un esame diagnostico mediante coltura batteriologica che valuta la presenza di microrganismi nell’urina. Il procedimento di prelievo è esattamente identico a quello dell’esame delle urine, e solitamente sono essenziali i 5 ml di una provetta. I campioni devono essere messi in coltura all’istante, diversamente i microrganismi potrebbero moltiplicarsi.

L’esame sarà ritenuto positivo se presenta un numero che supera i 10000 batteri/ml. L’analisi consta di una serie di diluizioni, della cosiddetta ‘metodologia del doppio’ e, infine, si portano i campioni sulla piastra per testare la presenza di Escherichia Coli, attraverso un terreno Mac Conkey (per Gram negativi), o di altri Enterobatteri, mediante l’uso del TSA (Trypticase Soy Agar).

Questa è la differenza che c’è tra esame delle urine e urinocoltura. Il primo analizza le varie proprietà delle urine, il secondo si occupa di diagnosticarle e anche di saggiare la resistenza dei batteri agli antibiotici attraverso antibiogramma.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti