Chernobyl galiziana: Il lago tossico del Monte Neme e la sua oscura verità

Esplora l'affascinante bellezza maestosa del Monte Neme, un lago dalle acque turchesi che nasconde un passato inquietante

8 Agosto 2023
Stefania Cicirello

Stefania Cicirello

Content Specialist

Content writer, video editor e fotografa, ha conseguito un Master in Digital & Social Media Marketing. Scrive articoli in ottica SEO e realizza contenuti per social media, con focus su Costume & Società, Moda e Bellezza.

Tra le bellezze naturali del nostro pianeta, spesso si nascondono segreti inquietanti che sfuggono all’occhio comune. Un esempio di ciò è il paradisiaco Monte Neme, un lago dalle acque cristalline e turchesi, che attira centinaia di turisti desiderosi di immortalare la sua bellezza mozzafiato. Tuttavia, dietro questa splendida facciata si cela una realtà allarmante: il lago è un bacino altamente contaminato, una sorta di “Chernobyl della Galizia”, come lo definisce l’agenzia di stampa Dire Giovani.

Le acque “caraibiche” che sono più pericolose di quanto credi

Situato nella regione galiziana di Bergantiños, in Spagna, il Monte Neme è stato in passato una miniera di tungsteno, una risorsa cruciale durante le due Guerre Mondiali per la produzione di lampadine e acciaio temprato. Purtroppo, le sostanze chimiche utilizzate durante quelle attività industriali hanno lasciato un segno indelebile sulle acque del lago, rendendolo tossico e pericoloso per la salute umana.

Il sito è ora circondato da cumuli di metalli pesanti come il tungsteno e il piombo, che rendono le acque del lago inadatte a qualsiasi forma di contatto umano. Nonostante ciò, la sua bellezza incantevole continua a sedurre turisti incuranti dei pericoli che lo circondano. Alcuni avventurieri temerari hanno persino osato sfidare i divieti di balneazione, pagando il prezzo delle loro azioni con irritazioni agli occhi e alla pelle.

Il Monte Neme non è un caso isolato. Il suo destino è simile a quello del lago Novosibirsk, situato nella lontana Siberia, anch’esso trasformato in una discarica tossica dall’aspetto paradisiaco. Questi esempi dovrebbero fungere da monito per tutti noi, poiché rivelano l’importanza di tutelare e preservare le nostre risorse naturali.

La storia del Monte Neme è una lezione sulle conseguenze disastrose dell’attività umana senza scrupoli, che può trasformare luoghi idilliaci in veri e propri incubi tossici. La bellezza della natura va apprezzata e protetta, poiché ogni gesto imprudente può avere ripercussioni gravi e durature.

Le autorità spagnole stanno cercando di affrontare la situazione e ridurre i danni ambientali causati dalla presenza di queste sostanze tossiche. Tuttavia, la sfida è ardua e richiede l’impegno di tutti noi per preservare e proteggere l’ambiente in cui viviamo. Quindi, la prossima volta che sarete attratti da un luogo paradisiaco, ricordatevi di informarvi sulla sua storia e sulle possibili minacce nascoste. Solo con un maggiore senso di responsabilità e consapevolezza possiamo sperare di preservare le meraviglie della natura per le generazioni future.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti