Cos'è e cosa si intende per allopatia ?

Scopri che cosa è la medicina allopatica e in cosa differisce dalle scienze omeopatiche

Fonte: Instagram

L’espressione medicina allopatica o più semplicemente allopatia è stata coniata dal medico tedesco Samuel Hahnemann nello stesso momento in cui ideò la sua tristemente nota medicina alternativa ossia l’omeopatia. Con questo termine egli etichettava nient’altro che la medicina tradizionale. Il termine allopatia deriva da due termini greci ossia allos e pathos. Il primo significa diverso e opposto mentre l’altro sta ad indicare sofferenza, malattie o un più generico ciò che si sente, che si prova.

In questo modo egli tendeva a diversificare la sua scienza dalle cure della medicina ufficiale. Quest’ultima era appunto allopatica perché si basava sullo scontro di due principi avversi mentre l’omeopatia tende a curare i disturbi con le stesse sostanze che ne causano l’insorgere. Colpevolizzava così le cure allopatiche perché non olistiche, ovvero non interessate al soggetto nella sua integrità, nella sua totalità di individuo formato dal sinolo corpo – mente.

L’origine dell’allopatia

Una differenza dunque sostanzialmente filosofica. Il concetto che sta alla base della medicina riconosciuta dall’Oms trae origine nell’antica Grecia. Questi può essere racchiuso nella seguente espressione:” Gli opposti si curano con gli opposti”. A portare avanti quest’idea che col tempo ha salvato la vita a milioni di esseri umani, due pilastri del pensiero e del curarsi occidentali ossia Galeno, da cui derivano le cosiddette cure galeniche e Ippocrate, padre della medicina contemporanea.

Il termine nasce dunque nell’800 ed oggi viene utilizzato in senso dispregiativo da coloro che sostengono le medicine naturali ed alternative. C’è anche da dire che quando Samuel Hahnemann ha concepito la sua pseudo scienza la medicina era fin tropo radicata al suo concetto base ed aveva col tempo prodotto medicinali talora pericolosi. Nel corso del ‘900 però lo sviluppo farmacologico è stato impressionante. Ormai non ha quasi più senso parlare di questa assurda contrapposizione.

Diagnosi e cura

La diagnostica omeopatica è differente da quella alleopatica. La malattia non deriva dal malfunzionamento dell’organismo ma da uno squilibrio che si va a creare tra mente, corpo e spirito. Si tratta di una scienza olistica.

Quindi per fare una diagnosi i medici omeopatici non osservano il corpo, non studiano lo stato dell’organismo ma cercando di scandagliare lo stato energetico e psichico del soggetto.

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti