La bella storia di Russell, mitico dipendente di McDonald's

Russell O'Grady, cinquantenne affetto da sindrome di Down, è andato in pensione dopo 32 anni di lavoro come dipendente di McDonald's: la sua storia

Ha lavorato per 32 anni sempre nello stesso posto e sempre col sorriso stampato sul volto; ora, però, ha deciso di andare in pensione.

Questa è la storia del cinquantenne Russell O’Grady, un uomo affetto da sindrome di Down, (ormai ex) dipendente di McDonald’s. Il suo esordio nel mondo del lavoro all’interno della celebre catena di fast-food risale al lontano 1984.

A soli 18 anni, è stato coinvolto in un progetto organizzato da JobSupport. Si tratta di un’associazione australiana, nata con l’obiettivo di trovare un’occupazione a persone affette da disabilità mentali. Come e più di oggi, soprattutto a quel tempo, infatti, era difficile veder lavorare persone affette da sindrome di Down.

Grazie alla sua impeccabile etica professionale, però, Russell è riuscito a guadagnarsi un posto di lavoro fisso in un ristorante di Northmead, nella zona ovest di Sydney.

Per oltre trent’anni, Russell O’Grady si è occupato di pulire il locale, servire i clienti e confezionare il cibo, in aggiunta ai suoi turni di lavoro in cucina. In questo modo, è riuscito a diventare una vera e propria icona per la gente del posto, tanto che molte persone sceglievano di mangiare in quel ristorante di McDonald’s anche solo per incontrarlo e conoscerlo.

Il padre, Geoff O’Grady, ha dichiarato al ‘Daily Mail Australia’: «Russell è una persona molto affettuosa ed è amato e apprezzato a tal punto da non crederci».

Il papà di Russell ha spiegato inoltre che la carriera da dipendente di McDonald’s ha dato una visione diversa della vita a suo figlio. Questo è l’aneddoto raccontato da Geoff O’Grady: «Qualcuno una volta gli ha chiesto: “Sei handicappato?”. La sua risposta è stata: “Lo ero quando andavo a scuola, ma ora lavoro da McDonald’s”».

Dopo 32 anni di lavoro svolto col sorriso, ora che è andato in pensione, Russell O’Grady potrà dedicare il tempo libero al suo hobby preferito: il bowling. il cinquantenne, infatti, è un “fedelissimo” frequentatore del Northmead Bowling Club.

Come dipendente di McDonald’s, Russell O’Grady ha eguagliato i 32 anni di servizio di Freia David, anche lei affetta da sindrome di Down e storica dipendente di un locale della catena di fast-food più famosa al mondo.

russel mc donalds

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti