0, 0, 0, 0, 1, 1, 0 trend

Sai come guadagna McDonald's? La risposta ti sorprenderà

Ha oltre 36mila ristoranti nel mondo e sforna milioni di hamburger, ma non sono le vendite i ricavi maggiori di McDonald’s: ecco come guadagna davvero

26 Giugno 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Gli inizi furono modesti, segnati dall’apertura di un piccolo ristorante di hamburger in California. Era il 1954 e Ray Kroc non sapeva di aver scritto la prima pagina della strabiliante storia di McDonald’s, la più famosa catena di fast food al mondo. Oggi, la multinazionale americana serve milioni di clienti nei suoi oltre 36 mila ristoranti in più di 100 Paesi. Nonostante le critiche al cibo, che hanno causato negli ultimi anni un calo delle vendite soprattutto negli Usa, gli affari del gruppo non sembrano subire flessioni. Ma come è possibile? Per spiegare l’apparente anomalia, basta comprendere come guadagna McDonald’s.

I maggiori introiti della società, a differenza di quanto si potrebbe pensare, non provengono dalle vendite di hamburger e patatine (preparate con ben 19 ingredienti!). Lo zoccolo duro degli incassi per la multinazionale dei fast food è determinato dal franchising, che rappresenta l’85% della catena.

Come riporta lo stesso sito web, il costo medio di un ristorante McDonald’s (in Italia) è di circa 800 mila euro (IVA esclusa) a cui va aggiunto una somma (massimo 45mila euro) da corrispondere come initial fee, parametrata sulla durata contrattuale, che solitamente è di 20 anni. Nel corso dell’attività, poi, ogni ristorante dovrà versare delle quote alla casa madre: ecco come guadagna McDonalds!

In particolare, da ogni affiliato la società riceve un affitto mensile, calcolato in percentuale sulle vendite nette. Inoltre, alla multinazionale vengono corrisposte delle royalties pari al 5% delle vendite nette e un contributo per la pubblicità nazionale da versare al Consorzio costituito da tutti i franchisee, pari al 4% delle vendite nette. Si tratta di cifre piuttosto cospicue che moltiplicate per tutti i ristoranti in franchising presenti nel mondo, fanno lievitare considerevolmente gli introiti di McDonalds.

Insomma, il modello di business in franchising – come sottolinea “The Motley Fool” – è piuttosto redditizio per la casa madre, che mette a disposizione marchio, struttura operativa e risorse in cambio di un costo molto elevato, garantendosi delle entrate stabili e sicure.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti