0, 0, 0, 0, 0, 1, 0 trend

Dormi poco? L'effetto sorprendente del caffè, ma è temporaneo

Uno studio dimostra che consumare caffè per sopperire alla mancanza di sonno è inutile, almeno in un periodo a lungo termine

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Quante volte è capitato di passare le notti intere sui libri prima di un esame o di ricorrere a più caffè nel corso della giornata per restare svegli e vigili dopo una nottata insonne? Tante, probabilmente. D’altronde siamo sempre stati abituati a pensare che il caffè fosse un valido alleato nel contrastare l’effetto della perdita di sonno sulle funzioni cognitive. Il che è anche vero, ma l’effetto è assolutamente temporaneo.

La conferma arriva da uno studio pubblicato su Progress in Neuro-Psychopharmacology and Biological Psychiatry. La ricerca spiega che la caffeina svolge un ruolo contrastante per quel che riguarda il calo dell’attenzione delle funzioni cognitive quando c’è un accumulo di sonno perso, come può capitare al termine di una settimana molto impegnativa o dopo un periodo in cui si fa fatica a dormire quanto si dovrebbe. Come detto, però, l’effetto della caffeina è temporaneo.

Lo studio è stato svolto su 26 partecipanti geneticamente sensibili alla caffeina, scelti dai ricercatori proprio per evitare di incappare in individui che fossero insensibili a tale sostanza. Queste persone sono state suddivise in due gruppi: al primo è stato chiesto di bere caffè con caffeina, al secondo invece è stato dato caffè decaffeinato per una durata di cinque giorni. A tutti i partecipanti, inoltre, sono state limitate le ore di sonno consentendo loro di riposare per un massimo di cinque ore a notte. Quindi sono stati sottoposti ai test per le funzioni cognitive tesi a indagare il funzionamento di varie attività come il livello di vigilanza, il tempo di reazione, l’accuratezza e la memoria.

risultati non hanno restituito differenze significative tra chi ha assunto caffeina e chi invece ha bevuto caffè senza caffeina. Questo vuol dire che sul lungo periodo il consumo di caffè teso a mitigare gli effetti della mancanza di sonno sulle attività cognitive è pressoché inutile.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti