Il generatore automatico di copertine di Rolling Stone

Qualche buontempone ha deciso di creare un generatore automatico di copertine di Rolling Stone: tutto sul nuovo modo di passare il vostro tempo

La vera novità di questi ultimi anni non è Gigi Di Maio che governa con Salvini, ma che i generatori di post automatici stiano prendendo il sopravvento.

Non c’è niente che la fantasia delle persone e una buona conoscenza di internet non possano fare. Queste due cose unite insieme, infatti, possono generare dei veri e propri tormentoni che diventano il passatempo preferito delle persone che dovrebbero invece lavorare in ufficio. Ma arriviamo al succo della questione: qual è la nuova hit del web? Il generatore automatico di copertine di Rolling Stone ovviamente. Dopo quello di Kanye West, adesso è la volta del magazine musicale più famoso al mondo. “Noi non stiamo con chi mette l’ananas sulla pizza” è solo una delle tante frasi che possono uscire dal generatore automatico. Come dite, vi piace questa zozzeria? Beh, speriamo almeno che non state con chi “visualizza e non risponde”, perché esiste un girone speciale dell’inferno fatto apposta per queste persone.

Tutto è nato qualche giorno fa, quando Rolling Stone ha dedicato la sua nuova copertina alla situazione politica attuale. Bandiera arcobaleno e la scritta “Noi non stiamo con Salvini. Chi tace è complice”. Un pensiero forte che ha iniziato a dividere filosofi, opinionisti, illustri frequentatori di bar e gente che passa la sua vita sui social network. E mentre su Facebook e Twitter si discuteva della copertina di Rolling Stone, c’è chi ha deciso di trollare tutti quanti e creare un meraviglioso generatore automatico di copertine. Palla al centro e fine della discussione. Anche perché sappiamo benissimo che tutte le vostre elucubrazioni al bar finivano con un “E allora il PD?”.

Rolling Stone è una rivista musicale fondata negli Stati Uniti da Jann Simon Wenner e Ralph J. Gleason. Nonostante l’approccio critico e talvolta gonzo al mondo artistico underground, Rolling Stone è sempre stato un magazine a metà tra l’irriverente e il tradizionale. Così influente da lanciare numerosi musicisti poi diventati delle pietre miliari nel mondo della musica, ha avuto addirittura una canzone dedicata dai Dr. Hook & The Medicine Show, “Cover of the Rolling Stone”. Il gesto dell’edizione italiana di dedicare una copertina al nuovo ministro dell’Interno, Matteo Salvini, può sembrare strana e fuori dal comune per una rivista musicale, ma non è così. Sin dalla sua fondazione, “Rolling Stone” ha sempre tenuto a schierarsi politicamente (cosa che ha fatto numerose volte in passato). Intanto che vi documentate, potete però divertirvi qui con il generatore automatico di copertine.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti