Il cervello umano non è strutturato per vivere in città

Come dimostrano gli studi, il cervello dell’uomo ha caratteristiche che gli rendono difficile adattarsi alla vita urbana.

24 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

L’uomo non è fatto per vivere in città: l’ambiente urbano, infatti, mette a dura prova il nostro cervello. Ad affermarlo, in seguito a una serie di studi, è la psicologa e neurobiologa Anna De Simone in un articolo da lei firmato su Psicadvisor. La specialista, alla luce di una serie di approfondimenti su trentasei ricerche differenti, dichiara che gli umani non si sono affatto “adattati alla vita moderna”.

De Simone, in particolare, ha osservato l’attività cerebrale di persone che vivono in città e di chi abita in regioni campestri. Quindi, ha messo a confronto le risultanze con l’incidenza dei disturbi mentali. Quello che è emerso suona quasi sconcertante ma l’evoluzione del nostro cervello dimostrerebbe come la natura sia l’habitat più adeguato. Quella stessa natura che sia i primi, troppo spesso, ad abbandonare a favore della cementificazione e dei grandi centri urbani.

Nel corso dei millenni, infatti, gli organi di senso si sono sviluppati in modo da adattarsi all’ambiente con cui erano maggiormente in contatto. La natura, appunto. Da qui, dunque, il fatto di percepire l’ambiente urbano come un potenziale rischio. È stato registrato, infatti, che la vista della città attiva nel nostro cervello uno stato di allerta che può alimentare la sensazione d’ansia. Come se fosse davanti a un pericolo da cui difendersi.

Si tratta di un meccanismo che non controlliamo volontariamente ma che si innesca in maniera automatica come risposta agli stimoli che arrivano dall’esterno. Ed è il modo con cui l’organismo umano ha imparato a reagire all’ambiente per garantirsi la sopravvivenza. Da qui, dunque, secondo le conclusioni della dottoressa Anna De Simone, il corpo percepisce come minaccia molte delle sollecitazioni che ci giungono dalla città attraverso la vista, l’udito, il tatto, l’olfatto e anche il gusto. Ulteriori ragioni, quindi, per rispettare di più la natura: è questa, infatti, a farci stare bene.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti