1, 6, 7, 8, 17, 24, 19 trend

Il colore che vediamo al buio non è nero

Si chiama Eigengrau ed è il risultato della confusione del sistema visivo quando è buio.

12 Gennaio 2022
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Quando chiudiamo gli occhi vediamo un colore che solitamente, per semplificare, chiamiamo nero ma che tale, invece, non è. La tonalità scura che i nostri occhi percepiscono, infatti, è l’esito prodotto dal nostro sistema visivo che letteralmente va in confusione. Succede quando, nel corso della notte, per esempio, ci sveglia improvvisamente e apriamo gli occhi. L’oscurità che ci circonda, quella che non ci permette di distinguere gli oggetti, ha un nome preciso.

Quella tonalità si chiama ‘Eigengrau’ o ‘Eigenlicht’ , termine dal tedesco che si può tradurre con ‘grigio’ o ‘grigio intrinseco’. Non nero, dunque, ma un colore che non ha un nome corrispondente in altre lingue ma è identificato da un codice esadecimale assolutamente univoco, ovvero #6151d (il nero, invece, è #000000). Il lemma venne introdotto nel XIX secolo dallo psicologo Gustav Theodor Fechner, che riteneva quel suo colore come il prodotto della percezione di un ‘rumore visivo’.

Questa tonalità di grigio molto scuro risulta molto vicina al nero ma, in piena luce, è più chiara rispetto al nero. E la sua sfumatura può anche variare da persona a persona e nel corso del tempo. L’Eigengrau è, quindi, un colore non stabile ed è determinato da un fenomeno della retina attivato da diverse connessioni cerebrali.

Anche al buio, infatti, e con gli occhi chiusi, il nostro sistema neuronale mantiene in attività alcuni nervi visivi. Succede, dunque, che il cervello non riesce a distinguere se quei nervi stiano lavorando con o senza luce. Il colore che, quindi, percepiamo è il risultato dei segnali visivi che vengono inviati ed è a tutti gli effetti un rumore, con uno sfondo di punti bianchi e neri in continuo mescolamento fra loro.

In sintesi, quando diciamo che ‘vediamo nero’ in realtà quello che percepiamo come tale è un’allucinazione. In assenza di luce, infatti, non si riconosce alcun vero colore e neppure il nero che può essere identificato solo in presenza di luminosità. L’Eigengrau è, in altri termini, un’illusione o un errore del nostro sistema di visione.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti