Il porcino da record trovato a Parma: pesa 1,5 kg

Un grande trionfo per il piccolo ometto che ha avuto la fortuna di raccogliere questo fungo da record

28 Ottobre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

Un’esperienza davvero fuori dal comune per Edoardo, abitante di 5 anni di San Martino Sinzano, in provincia di Parma. Il piccolo va per funghi con i genitori ad Albareto e raccoglie un porcino gigante. Fa fatica a sorreggerlo ma mostra fiero il suo trofeo come riporta il sito Gazzettadiparma.it.

Il porcino raccolto da Edoardo è degno di entrare nel Guinness dei primati. Una volta arrivato a casa i genitori lo hanno pesato e la sorpresa è stata davvero grande: la lancetta della bilancia ha segnato 1,5 chilogrammi.

Porcino è il nome comune di alcune specie di funghi del genere Boletus, spesso attribuito, anche come denominazione merceologica, a quattro specie di boleti (la sezione Edules del genere Boletus) facenti capo al Boletus edulis e aventi caratteristiche morfologiche e organolettiche vagamente simili.

Si trova soprattutto nei boschi di querce e di castagno della pianura, e nelle faggete e abetaie di alta montagna. Si tratta di funghi simbionti, gregari, che possono svilupparsi in gruppi di molti esemplari. Di solito nascono tra maggio e giugno, e diventano visibili nel bosco già ad agosto (se la stagione prevede le giuste piogge), anche se è tra settembre e ottobre che la loro presenza è all’apice.

Gli antichi Romani chiamavano questi funghi Suillus per il loro aspetto generalmente tozzo e massiccio, e il termine porcino ne è l’esatta traduzione. Possono raggiungere facilmente grandi dimensioni: sono frequenti ritrovamenti di esemplari di peso superiore a uno o due chilogrammi.

Come riporta Wikipedia.it i porcini non sono confondibili con altri funghi. Le loro forme, proporzioni e colori non lasciano adito a dubbi. Comunque, per evitare intossicazioni (non gravi, nel campo dei boleti, ma comunque molto spiacevoli), occorre controllare che la carne sia bianca e non cambi colore al taglio (viraggio). Quindi, se siamo in presenza di un boleto che vira di colore (solitamente al rossastro, al blu o al verde, più o meno carichi) o ha il gambo giallo o rosso, possiamo essere certi che non si tratta di un porcino, ma di un’altra specie del genere Boletus.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti