1, 0, 1, 0, 0, 0, 0 trend

In solitaria sul Cammino di Santiago: 1000 km in 20 giorni

Ha percorso l’itinerario da Siviglia a Santiago di Compostela in venti giorni e completamente in solitaria.

1 Settembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Mille chilometri percorsi in venti giorni lungo il Cammino di Santiago di Compostela: è l’impresa che un italiano originario del comasco ha realizzato. L’uomo, in solitaria, è infatti partito da Siviglia seguendo la Via de la Plata, uno dei percorsi meno tradizionali del Camino. E con un ritmo da record, pari a circa cinquanta chilometri ogni giorno, ha raggiunto la destinazione in meno di tre settimane.

Il protagonista di questa storia è Marino Porro, sessantenne di Uggiate Trevano, che non è nuovo al Cammino di Santiago. Dopo la pensione, infatti, il lombardo si è regalato un primo viaggio scegliendo di percorrere la via più battuta, quella del cosiddetto cammino francese. A ottobre 2019, il comasco ha affrontato novecento chilometri in diciassette giorni. Il bis è, quindi, arrivato l’estate successiva, nel 2020, seguendo il cammino portoghese.

Così, rispettando il detto ‘non c’è due senza tre’, l’uomo ha ripetuto l’esperienza anche nel 2021 lungo la Via de la Plata. Il viaggio ha avuto inizio dalla città di Siviglia e, chilometro dopo chilometro, ha fatto macinare a Marino circa mille chilometri in soli venti giorni. Non essendo tra gli itinerari più frequentati, il pellegrino ha spiegato di aver incrociato altri viandanti solo la sera nei luoghi in cui ha pernottato.

A La provincia di Como ha raccontato anche di avere originariamente programmato il viaggio per giugno ma le restrizioni in vigore per la pandemia lo hanno costretto a far slittare i suoi piani. Il ritmo è stato cadenzato dalla sveglia la mattina presto per mettersi in marcia tra le 6 e le 6 e mezza in modo da completare le tappe quotidiane tra le 15 e le 16 del pomeriggio.

“È stata una sorta di evoluzione: nella mia vita ho praticato molti sport iniziando da giovane con l’alpinismo, l’arrampicata, lo sci d’alpinismo per poi dedicarmi al running […] allungando il passo verso le ultra maratone”, riferisce il quotidiano online. E qualcosa ci dice che Marino potrebbe non fermarsi qui perché dal “mal di cammino” è difficile guarire.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti