James Naismith: la storia dell’uomo che inventò il basket

Era il 15 gennaio 1892 quando furono pubblicate le 23 regole fondamentali del basket, ideato dall’insegnante di educazione fisica James Naismith.

15 Gennaio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Correva l’anno 1892 quando il mondo dello sport vedeva l’ingresso di una nuova disciplina di gruppo nata in ambiente scolastico. A crearne le regole, che furono poi ratificate ufficialmente il 15 gennaio, era stato un insegnante di educazione fisica canadese, tale James Naismith, come il doodle di Google ricorda a 129 anni da quel giorno.

Appassionato di atletica leggera e football, dopo il college Naismith si laureò alla McGill University di Montréal nel 1888 e lì iniziò la sua carriera nell’insegnamento. Fu il dottor Luther Halsey Gulick a chiamarlo, qualche anno dopo, all’International YMCA Training School di Springfield (Massachusetts) come professore del corso di educazione fisica del college.

Gulick cercava, in particolare, un giovane responsabile che avesse la capacità di coinvolgere e far divertire i giovani nelle giornate invernali durante le quali le lezioni dovevano avere luogo al chiuso. Così James Naismith prese spunto da un gioco in voga fra i bambini della sua provincia natia, denominato Duck-on-a-rock, che prevedeva il lancio a turno di una pietra su un’altra roccia o un ceppo legnoso.

Inoltre, ripensò anche ad alcune discipline antiche unite alla pratica moderna del gioco a squadre. Dopo qualche settimana, Naismith scrisse alcune norme di base che prevedevano l’uso di un pallone tondo che poteva essere toccato solo con le mani. Le tredici regole fondamentali furono quindi pubblicate sul giornale dell’università, il Triangle, sotto il titolo di “A new game”. Era il 15 gennaio 1892 e nasceva il basketball.

Le classi di Naismith allora avevano a disposizione solo due cestini di pesche, una palla e una manciata di fondamentali da rispettare. Ma in breve il gioco prese piede in tutta la scuola fino a superare i limiti del college, diffondersi in tutto il Paese e nel mondo. Dal 1936 il basket è gioco olimpico e a fare il primo tiro, alle Olimpiadi di Berlino, fu proprio il suo inventore. Chissà se solo qualche decennio prima se lo sarebbe mai immaginato.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti