La NASA ha individuato un pianeta fuori dalla nostra Galassia

L’ultima scoperta della NASA parla di un pianeta lontano 28 milioni di anni luce da noi.

1 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

È proprio vero, non si smette mai di imparare ma neppure di scoprire. Arriva dalla NASA, infatti, l’ultima scoperta che amplia ulteriormente le nostre conoscenze sullo spazio che ci circonda. Grazie al telescopio a raggi x Chandra, è stato intercettato un esopianeta, un pianeta situato al di fuori della nostra Galassia. Individuato per la prima volta, questo corpo celeste si troverebbe oltre la Via Lattea, a una distanza di circa 28 milioni di anni luce dalla Terra.

A fare la scoperta, in particolare, è stato un gruppo di ricercatori e astrofisici di Cambridge coordinato da Rosanne Di Stefano. Chandra è riuscito a stimare anche le dimensioni del nuovo esopianeta, grande all’incirca quanto il nostro Saturno. Come riporta tgcom24, il pianeta si trova nella Galassia Messier 51, detta anche ‘vortice’. Al di fuori nel Sistema Solare, sui tratta del primo esopianeta scoperto al di fuori della nostra Galassia.

Fino ad oggi, infatti, tutti gli altri esopianeti intercettati – e sono quasi 5mila, orbitanti attorno ad altre stelle – si muovono entro la Via Lattea. Non si era mai arrivati tanto lontano quanto invece la NASA ci ha portato con questa scoperta. A renderla possibile è stato il cosiddetto ‘metodo del transito’, procedimento che si serve dei raggi x. Questo tipo di osservazione, spiega la NASA, sfrutta il passaggio di un pianeta davanti alle stelle.

Quel passaggio, infatti, interrompe parte della sua luce e comporta un calo della luminosità che raggiunge i telescopi. In questo modo, Chandra è riuscito non solo a determinare la presenza di un esopianeta ma anche a localizzarlo a milioni di anni luce da noi. Il team di studiosi è ancora al lavoro per poter ricavare dati e informazioni più precisi che potrebbero richiedere anche decenni. Le prime stime, infatti, parlano di un’orbita talmente ampia che il suo passaggio successivo potrebbe non avvenire prima dei prossimi settant’anni.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti