La storia di "La verità", singolo di Vasco rubato dagli hacker

Si intitola “La verità” il nuovo singolo di Vasco Rossi, e arriverà nelle radio il 16 novembre.

Prima “Moderne verità”, poi “Tempi moderni”. Ora finalmente è arrivata l’ufficializzazione: il nuovo singolo di Vasco Rossi, nelle radio dal 16 novembre e in vinile dal 23, si chiamerà “La verità”. Lo firma lo stesso rocker di Zocca insieme a Roberto Casini. Un nome che vi dirà sicuramente qualcosa: penna anche di “Va bene va bene così”, “Gabri” e “Eh già”, solo per farvi degli esempi. Gli arrangiamenti invece solo del “solito” Maestro Celso Valli.

Ma torniamo ai titoli che inizialmente circolavano su internet. Non totalmente sbagliati, perché effettivamente il pezzo parla proprio di “tempi moderni”. A fare da filtro, il solito sguardo disincantato di Vasco, che osserva la realtà che lo circonda: il clima di confusione e di isteria compulsiva che caratterizza, appunto, la contemporaneità.

Potrete accorgervene da soli, leggendo parte del testo del pezzo:

“La verità fa male, la verità si sposa
Sposi la verità oppure sposi la menzogna

Sai da che parte stai?

La verità disturba sempre un po’ qualcosa, quando arriva silenziosa

E non è vestita mai di rosa, non è una signora

Sei sicuro di volerla conoscere?

Di poterla sostenere o sopportare?

E se poi la verità fosse un errore?

La verità è del primo che lo sa? Di chi la dice, da duce?

La verità è la televisione? O Instagram o Facebook?

La verità è nei talk show, dove si cercano i colpevoli

Si ascoltano psicologi.

E ognuno sa chi è stato o chi sarà?

Queste sono le domande, tante

Che la canzone fa 

Naturalmente non dà risposte

Unica cosa certa,

Si finisce sempre per sposare

Una verità”

L’uscita de “La verità” sarà accompagnata dalla pubblicazione di un videoclip: il primo “irid” video della storia, firmato da Pepsy Romanoff. Una clip in cui protagonista assoluto è l’iride in movimento di Vasco: che osserva, scruta, dialoga.
Il brano, inedito, era in realtà stato ascoltato già da alcuni fan di Vasco, un mese dopo il concerto trionfale di Modena Park. Ignoti, infatti, erano riusciti ad avere accesso a parte del database musicale dell’artista, mettendo in circolazione alcuni pezzi non ancora editi: tra questi, appunto, anche “La verità”.

Intanto ricordiamo che il rocker di Zocca questa estate è atteso dal vivo con sei concerti: l’1, il 2, il 6, il 7, l’11 e il 12 giugno a San Siro (record assoluto di date per lo stadio milanese) e il 18 e il 19 giugno alla Fiera di Cagliari.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti