Le Perle di Pinna: le scuse dopo la vignetta razzista

Andrea Pinna, dopo aver pubblicato sul profilo Instagram Le Perle di Pinna una vignetta razzista, torna a scrivere sui social: “Chiedo scusa".

23 Giugno 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Wordsforyou

Brutta storia per Andrea Pinna, l’influencer che con Le Perle di Pinna vanta centinaia di migliaia di follower sui social che gli è costato il posto a ZWebTv. Tutto ha inizio proprio con una storia, su Instagram, che definire di cattivo gusto è un eufemismo. L’immagine vorrebbe “giocare” con il celebre Indovina Chi? in cui uno dei personaggi è George Floyd, l’afroamericano spietatamente ucciso dalla polizia negli USA.

Dal gioco (o presunto tale) all’accusa di razzismo il passo è più che breve. Non sono certo stati giorni semplici per Pinna che, tolto il post, è poi tornato sui social proprio per cercare di spiegare quanto accaduto e chiedere scusa. “Ieri e oggi non sono stato molto bene. – inizia l’influencer su Facebook raccontando ciò che starebbe dietro l’immagine incriminata – Mi sono svegliato, con pensieri molto poco felici e a tratti catatrofici, così sono andato, in lacrime, sulla chat WhatsApp di G1 e ho visto una foto con due bambini che giocano a ‘indovina chi?’.

Dialogo tra i due: ‘BASTI CHE RESPIRI’. Ho pensato, stupidamente, al fatto che ormai, sempre più spesso, ci si accontenti del primo che passa e la pretesa, la conditio sine qua non è appunto BASTA CHE RESPIRI. Posto la foto e torno ai miei pianti.”

“Qualche ora più tardi: il finimondo. GIUSTAMENTE. – continua Pinna – Perché nell’egoismo che accompagna e caratterizza il mio malessere, non avevo notato che poco sotto i bambini nella foto, c’era quel pover’uomo di George Floyd, assassinato dalla polizia degli Stati Uniti. Ho pubblicato un’immagine, una battuta frutto di uno humor che supera il nero e diventa M***A, cioè RAZZISMO.”

Sono una delle persone meno razziste che conosca, io addirittura, e questo posso provarlo, sono contrario perfino ai confini degli stati poiché il mondo è di tutti ma l’Italia non è solo degli italiani. E ho più e più volte ribadito che un razzista non può essere libero di dire la propria opinione perché per avere le opinioni bisogna usare il cervello e i razzisti in testa hanno m***a fumante e dovrebbero tacere per sempre.”

E dopo un mezza ammissione di responsabilità che lascia un po’ a desiderare, ecco le scuse: “Sono mortificato. Chiedo profondamente scusa. Giuro su Dio, su mia mamma, sui miei nipoti, su quello che volete, che io NON HO NOTATO AFFATTO (PER FRETTA, MALESSERE E LACRIME AGLI OCCHI), il volto di George.”

Questo errore non mi renderà un razzista. – conclude – Ho combattuto, e combatto ancora, troppe battaglie per l’uguaglianza che chiunque mi conosca, anche solo per sentito dire, non potrebbe pensarmi capace di una porcheria simile.”

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti