Lieto fine per i leprotti salvati dalla gatta Dea: la storia

Il sindaco di un piccolo comune del lecchese ha raccontato il salvataggio di cinque leprotti grazie all’intervento della gatta Dea.

11 Agosto 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Santa Maria Hoè è un piccolo comune in provincia di Lecco, parte dell’Unione dei comuni della Valletta. È da questo angolo di Lombardia che arriva l’ultima tenerissima storia social che vede protagonisti una gatta speciale e cinque leprotti. A raccontare l’accaduto è stato il sindaco del paese, Efrem Brambilla, che via Facebook ha tenuto aggiornati i concittadini, e non solo, sulle condizioni degli animali. Ma procediamo con ordine.

Dea è la gatta della zia del primo cittadino che nei boschi vicino a casa è incappata in un cinque lepri abbandonate. I leprotti erano in una situazione estremamente critica, senza genitori e denutriti. In più, le condizioni metereologiche impietose con le piogge battenti che si sono riservate sulla regione rischiavano di uccidere i piccoli.

Anzi, forse proprio il maltempo aveva costretto gli adulti ad abbandonare i cuccioli in cerca di riparo. Senza indugio, Dea si è immediatamente prodigata per recuperare la cucciolata e, presi per la collottola, ha portato tutti i cinque leprotti sotto casa. E proprio quella della gatta è stata l’iniziativa che ha letteralmente salvato i piccoli dando vita a una catena di solidarietà.

La zia del sindaco, sentiti gli strani rumori e trovati i nuovi ospiti, ha chiamato il nipote che ha a quel punto provveduto alle prime cure. “Stiamo portando al centro CRAS questi piccoli leprotti che mia zia ha trovato sotto il suo balcone  – ha scritto Brambilla in un post pubblicato su Facebook – Li ha portati la sua gatta sotto il balcone, forse per dargli rifugio dopo i forti temporali. Speriamo di salvarli”.

“Abbiamo avvertito immediatamente il Nucleo Faunistico Provinciale”, aggiunge ancora il sindaco. Per tre dei leprotti le condizioni sono state in breve stabilizzate, mentre due sono risultati maggiormente debilitati. Ora l’intera comunità spera che l’impresa generosa di Dea abbia il lieto fine assoluto.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti